Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Area Flegrea

Il figlio di Della Corte: ‘Che giustizia è questa? Che esempio viene dato? Anche i premi ai baby killer?’

Pubblicato

in



Sdegno e rabbia per la decisione di concedere un permesso premio per la festa dei 18 anni di Ciro U. uno dei tre killer del vigilante Francesco Della Corte, preso a sprangate e ridotto in fin di vita fino a provocarne poi la morte, il 3 marzo 2018 a Napoli, dal branco che gli voleva prendere la pistola. Le immagini del compleanno sono finite sui social scatenando la reazione dei familiari della vittima. “E’ una vergogna, ma come è possibile che un killer, dopo solo un anno di galera, esca in permesso premio per festeggiare i suoi 18 anni?”. A parlare è Giuseppe, il figlio di . E’ rimasto incredulo di fronte alla notizia che uno degli assassini del padre abbia potuto usufruire di un permesso premio e festeggiare. “Sono stati troppo morbidi con gli assassini di mio padre – dice – Capisco che e’ la legge, che era il rito abbreviato, ma già la condanna è stata irrisoria. Anche il premio. Capisco che chi gli ha concesso l’uscita poteva farlo, ma proprio non ne capisco il motivo”. “Quello è un assassino, ha ucciso mio padre, un uomo radioso, un genitore che ci ha trasmesso valori – sottolinea – Abbiamo perso così nostro padre e ci hanno creato un dolore tale che e’ difficile accettare, e addirittura la festa di 18 anni? Noi continuiamo a chiedere giustizia – aggiunge – la condanna la deve scontare in carcere non può entrare e uscire usufruendo di premi. Stiamo parlando di un omicida, un killer-ragazzino. Che esempio viene dato? Un altro ragazzino che ora vede che questo assassino è uscito a festeggiare i suoi 18 anni – afferma -sente che può fare quello che vuole. Cosa gli impedisce di fare una rapina o anche peggio?. La legge è troppo morbida con i minorenni – conclude – Ora starò ancora più vicino a mia madre e mia sorella. Qualcosa si deve smuovere e sapere che tutti ci sono vicini, ci dà forza per andare avanti”.

 

Continua a leggere
Pubblicità

Area Flegrea

Chiusa per coronavirus la sede del municipio a Monte di Procida

Pubblicato

in

coronavirus municipio di monte di procida

La sede centrale del comune di Monte di Procida e’ stata chiusa, oggi, su disposizione del sindaco, Giuseppe Pugliese, per un caso di positivita’ riscontrato in un dipendente.

 

Attivita’ sospesa ed accesso interdetto al pubblico per consentire le operazioni di igienizzazione e sanificazione dei locali. Il sindaco ha rassicurato che il dipendente non era presente in ufficio da una settimana e l’Asl Napoli 2 Nord e’ gia’ al lavoro per riscostruire il link epidemiologico. Inoltre sono stati resi noti i risultati degli ultimi 110 tamponi dello screening di 500 prelievi naso-faringei effettuati dall’Asl flegrea la scorsa settimana. Tre le persone risultate positive che portano il dato complessivo a 40 contagiati tra i partecipanti alla megafesta nuziale. A questi vanno aggiunte altre sette persone positive al virus sempre afferenti ai contagi di Monte di Procida ma residenti a Bacoli. A Monte di Procida i casi positivi, considerati anche quelli emersi nelle ultime 24 ore e non collegati ad altri eventi, sono 82.

Continua a leggere

Le Notizie più lette