Il figlio di Della Corte: ‘Che giustizia è questa? Che esempio viene dato? Anche i premi ai baby killer?’

SULLO STESSO ARGOMENTO

Sdegno e rabbia per la decisione di concedere un permesso premio per la festa dei 18 anni di Ciro U. uno dei tre killer del vigilante Francesco Della Corte, preso a sprangate e ridotto in fin di vita fino a provocarne poi la morte, il 3 marzo 2018 a Napoli, dal branco che gli voleva prendere la pistola. Le immagini del compleanno sono finite sui social scatenando la reazione dei familiari della vittima. “E’ una vergogna, ma come è possibile che un killer, dopo solo un anno di galera, esca in permesso premio per festeggiare i suoi 18 anni?”. A parlare è Giuseppe, il figlio di Franco Della Corte. E’ rimasto incredulo di fronte alla notizia che uno degli assassini del padre abbia potuto usufruire di un permesso premio e festeggiare. “Sono stati troppo morbidi con gli assassini di mio padre – dice – Capisco che e’ la legge, che era il rito abbreviato, ma già la condanna è stata irrisoria. Anche il premio. Capisco che chi gli ha concesso l’uscita poteva farlo, ma proprio non ne capisco il motivo”. “Quello è un assassino, ha ucciso mio padre, un uomo radioso, un genitore che ci ha trasmesso valori – sottolinea – Abbiamo perso così nostro padre e ci hanno creato un dolore tale che e’ difficile accettare, e addirittura la festa di 18 anni? Noi continuiamo a chiedere giustizia – aggiunge – la condanna la deve scontare in carcere non può entrare e uscire usufruendo di premi. Stiamo parlando di un omicida, un killer-ragazzino. Che esempio viene dato? Un altro ragazzino che ora vede che questo assassino è uscito a festeggiare i suoi 18 anni – afferma -sente che può fare quello che vuole. Cosa gli impedisce di fare una rapina o anche peggio?. La legge è troppo morbida con i minorenni – conclude – Ora starò ancora più vicino a mia madre e mia sorella. Qualcosa si deve smuovere e sapere che tutti ci sono vicini, ci dà forza per andare avanti”.

 



Torna alla Home

telegram

LIVE NEWS

‘Beni confiscati alla camorra. L’esperienza del Comune di Quarto’, primo libro del bene confiscato Casa Mehari

Arrivano i libri in coedizione Casa Mehari e New Media Press. La prima pubblicazione è "Beni confiscati alla camorra. L'esperienza del Comune di Quarto nella città Metropolitana di Napoli" dal giornalista Ciro Biondi con prefazione di Mario Morcone, assessore regionale alla Legalità, Sicurezza e Immigrazione. La presentazione avverrà in occasione del...

Quarto, “sei piena di negatività”, falsa sensitiva truffa una donna: arrestata

I Carabinieri della Stazione di Varcaturo, su disposizione della Procura della Repubblica di Napoli Nord, hanno arrestato una donna di 53 anni residente a Quarto, già nota alle forze dell'ordine. La donna è accusata di truffa aggravata, tentata estorsione e calunnia ai danni di un'altra donna. Le indagini, dirette dalla...

CRONACA NAPOLI