Cocaina dalla Colombia alla Campania: cinque arresti

SULLO STESSO ARGOMENTO

Dalle prime ore della mattinata odierna, militari del Nucleo di Polizia Economico-
Finanziaria della Guardia di Finanza di Napoli, in collaborazione con le fiamme gialle della Compagnia di San Giovanni Valdarno (AR), stanno eseguendo un’ordinanza di custodia
cautelare nei confronti di 5 soggetti, accusati di aver posto in essere, in concorso tra loro,
diverse condotte di acquisto, detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti nel capoluogo
partenopeo e in altre aree del territorio nazionale.
Il provvedimento, emesso dal GIP del Tribunale di Napoli su richiesta della locale Procura
della Repubblica – VII Sezione, compendia le risultanze parziali di una più ampia e
complessa indagine che, nell’estate del 2016, la Direzione Distrettuale Antimafia aveva
delegato al GICO del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Napoli per un presunto
traffico internazionale di cocaina dalla Colombia verso il territorio campano, nel cui ambito
era emerso come principale sospettato un soggetto napoletano.
In particolare, quest’ultimo avrebbe avuto un ruolo determinante in un tentativo di
importazione di 55 kg. di cocaina provenienti dalla Colombia, operazione non andata a
buon fine giacché le Autorità Doganali Statunitensi, il 31 marzo del 2016, avevano
intercettato la spedizione illecita in transito presso l’Aeroporto di Atlanta, sottoponendo a
sequestro l’ingente quantitativo di sostanza stupefacente.
Grazie all’analisi e allo sviluppo degli elementi informativi comunicati alla D.D.A.
dall’Organo collaterale statunitense per il tramite dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli
di Napoli, gli investigatori del GICO sono riusciti a monitorare diversi contatti intrattenuti
dal soggetto partenopeo con alcune utenze sud americane, palesemente finalizzati a
pianificare ulteriori acquisti di stupefacente, con il verosimile obiettivo di far fronte alla
pesante perdita subita in precedenza.
Nel contempo, proprio a causa di questa perdita, nonché per una serie di difficoltà che
avevano ostacolato le trattative con i fornitori colombiani, intraprendeva una parallela
attività di traffico “domestico”, finalizzata all’acquisto e alla cessione di diversi quantitativi –
non accertati nel loro esatto ammontare – di cocaina e hashish da destinare alle piazze di
spaccio di Napoli, Lanciano (CH) e San Giovanni Valdarno (AR), in ciò avvalendosi della
collaborazione di due sodali, di origini campane ma residenti nella citata cittadina toscana,
tutti destinatari dell’odierno provvedimento restrittivo.




LEGGI ANCHE

Morto l’avvocato Gennaro Torrese, ex presidente dell’ordine a Torre Annunziata

È venuto a mancare il noto avvocato Gennaro Torrese, all'età di 72 anni, celebre per il suo ruolo di presidente del consiglio dell'ordine forense di Torre Annunziata. Torrese ha ricoperto tale incarico per lungo tempo finché una norma che limitava i mandati consecutivi lo ha costretto a dimettersi . Dal 2020, l'avvocato era alla guida dell'Unione dei fori della Campania, rappresentando un punto di riferimento per la comunità legale della regione. La sua scomparsa ha scosso profondamente...

Immigrazione clandestina a Carbonara di Nola: 14 stranieri in condizioni precarie

Nel comune di Carbonara di Nola, 14 persone straniere sono state scoperte a vivere in un'abitazione sovraffollata, con soli 100mq a disposizione. Tra di loro, 6 individui si sono rivelati essere irregolari. L'intervento dei Carabinieri ha portato alla denuncia di un imprenditore locale di 27 anni e di un uomo di 39 anni proveniente dal Bangladesh. Il 27enne aveva affittato una villa fatiscente al cittadino del Bangladesh, il quale insieme ad altri 13 extracomunitari, pagava un...

Perugia, tutti i nomi degli spiati: da Fedez a Cristiano Ronaldo, Allegri e poi Totti e Gravina

Finanziare indagato per accessi abusivi a banca dati antimafia: nomi eccellenti tra i "controllati". Un'inchiesta della Procura di Perugia scuote il panorama politico italiano. Al centro del caso c'è il finanziere Pasquale Striano, in servizio alla Procura nazionale antimafia, che avrebbe effettuato circa 800 accessi abusivi alla banca dati delle Segnalazioni di operazioni sospette (Sos). Tra i nomi di cui Striano avrebbe consultato le informazioni figurano esponenti del governo come Guido Crosetto, Francesco Lollobrigida, Marina Elvira...

Sparatoria in strada a Scafati, obiettivo il pregiudicato Marcello Adini

Il 43enne Marcello Adini è uscito dal carcere solo tre giorni fa dopo che era stato assolto per l'omicidio di Armando Faucitano

Sparatoria a Fuorigrotta: pistoleri in azione in via delle Scuole Pie

Nella zona di Fuorigrotta a Napoli, si è verificata una sparatoria su via delle Scuole Pie. I carabinieri del comando di Bagnoli sono intervenuti, intorno...

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE