Napoli. Gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato San Giovanni-Barra hanno arrestato Carmela Ammendola, corallina di 44 anni, Andrea Minopoli e Salvatore Florio, napoletani di 26 e 55 anni, e Francesco Salpietro, messinese di 66enne, per concorso in truffa, ricettazione, sostituzione di persona e uso di documenti di riconoscimento falsi. I poliziotti, in seguito a mirata attività di indagine, hanno accertato che i 4 hanno acquistato alcuni telefoni cellulari rateizzando l’acquisto dietro esibizione di documenti falsi. Ieri, durante una compravendita di due Iphone XS, con le stesse modalità, sono stati bloccati dagli agenti. Nel borsello del Minopoli sono state rinvenute 56 schede con microchip a banda magnetica pronte per essere contraffatte, 1320 euro in banconote di vario taglio, un bancomat, una poste pay evolution mentre nell’auto altre 100 schede con microchip e 3 pen drive. Inoltre, presso l’abitazione dei genitori del Minopoli sono state trovate altre 244 schede con microchip, 1 tessera sanitaria falsa, una carta poste pay priva di codice identificativo ed 1 pc portatile. Tutto il materiale è stato sequestrato e per i quattro sono stati disposti gli arresti domiciliari.

LEGGI ANCHE  Whirlpool, operai a Roma: "Napoli non molla"
ADS



Siamo la redazione di Cronache della Campania. Sembra un account astratto ma possiamo assicurarvi che è sempre un umano a scrivere questi articoli, anzi più di uno ed è per questo usiamo questo account. Per conoscere la nostra Redazione visita la pagina "Redazione" sopra nel menù, o in fondo..Buona lettura!

Napoli, vicepresidente Betis: Milik giocatore che ci piace

Notizia precedente

Domani il garante dei detenuti Ciambriello visita il carcere di Bellizzi irpino

Notizia Successiva

Ti potrebbe interessare..