🔴 ULTIME NOTIZIE :

A mia madre di Yvonne De Rosa, presentazione del libro a Napoli

Presentazione del libro venerdì 10 febbraio 2023 – ore 18:00 - al Salotto Letterario Le Zifere (Piazzetta Nilo, 7 - Napoli). Saluti dell’editore Roberto Nicolucci A discuterne con l’autrice Prof. Stefano Causa Critico d’arte e docente di Storia dell’arte moderna e contemporanea presso l’Università degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli Col. a. (ter.)...

Sicurezza a Napoli, De Luca: “Siamo arrivati ad un punto limite, in certi quartieri sembra l’Afghanistan”

“Di fronte a queste tragedie io ho sempre la preoccupazione di non dare adito a […]

    “Di fronte a queste tragedie io ho sempre la preoccupazione di non dare adito a strumentalizzazioni ed eccessi, però devo dire che siamo arrivati a un punto limite a Napoli. Così la città rischia di diventare davvero invivibile”. Il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca commenta la sparatoria di camorra in Piazza Nazionale e ancora una volta non disdegna accuse politiche per la gestione della città. “In certi quartieri – ha detto De Luca – non sembra che Napoli sia una grande capitale d’Europa, sembra l’Afghanistan o il Bangladesh per la qualità dei servizi. Prima apriamo gli occhi e la finiamo con gli atteggiamenti di auto consolazione e meglio è. Il procuratore nazionale antimafia ha detto parole dure, io le condivido. E’ arrivato il momento di parlare chiaro e di raccontarci la verità, questa rischia di diventare una città allo sbando, abbandonata a se stessa. tutte le istituzioni devono fare qualcosa in più”. “Quando si arriva ad avere i morti in piazza – è la riflessione di De Luca – alla barbarie e all’attacco di bambini, o quando hai i camorristi che non fanno una piega davanti a un bambino di 4 anni che sta con il nonno davanti alla scuola materna è evidente che siamo a un salto di barbarie di cui dobbiamo prendere atto”.
    “Se rispetto ad una bambina di 4 anni che lotta con la vita solo perchè si trovava per strada in una grande capitale europea e del Mediterraneo come Napoli, si risponde con le statistiche, vuol dire che si è molto lontani dai sentimenti della gente”. Lo ha affermato a Catania l’ex ministro dell’Interno Marco Minniti sulla bimba ferita in una sparatoria nel capoluogo Campano a margine della presentazione del suo libro ‘Sicurezza e liberta” a Catania. “Quello che è avvenuto a Napoli – ha aggiunto – è una sfida molto profonda alla democrazia italiana. E in casi cosi’ gravi i rappresentanti delle Istituzioni interrompono qualunque cosa stanno facendo, anche la campagna elettorale, e vanno a Napoli perchè li, appunto, si sta giocando una partita importante della nostra democrazia”.

    google news

    IN PRIMO PIANO

    Pubblicita

    Leggi anche

    Violenza sessuale a Ischia: arrestato 76enne

    E' diventata definitiva e per questo che da stamane è tornato in carcere dove trascorrerà i prossimi quasi sei anni di vita nonostante la...

    Eav, passeggeri a piedi? Ecco cosa è successo su bus sostitutivo

    L'Eav ricostruisce e spiega quanto accaduto ieri sulla tratta Castellammare-Vico Equense dove un servizio autobus sostitutivo ha registrato problemi lasciando passeggeri a piedi, come...
    00:24:57

    Visitando IL POSTO PIÙ CALDO del Mondo (70.7°C): IL DESERTO DI LUT

    24 Ore nel Mezzo del Deserto "Più Caldo" del Mondo

    Rubati guanti di Zoff dalla mostra “Un Secolo d’Azzurro” a Roma

    Un paio di guanti di Dino Zoff del modello che il portiere azzurro usò nella stagione dei Mondiali del 1982 in Spagna sono stati...