De Magistris: “A Napoli non c’è emergenza, si libererà dalle forze del male”. Concluso il vertice in Procura

SULLO STESSO ARGOMENTO

A Napoli non ci sono “numeri da emergenza”, ma “sono i fatti che sono accaduti che sono terribili e inaccettabili”. Il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, ha sottolineato che il capoluogo campano non sta attraversando un periodo di recrudescenza criminale tale da far parlare di misure urgenti. Ciò nonostante il ferimento della piccola Noemi, di solo quattro anni, avvenuto lo scorso venerdì in piazza Nazionale, rappresenta un episodio “assolutamente inaccettabile”. Nel pomeriggio di domani è in programma in Prefettura un Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica già programmato e nel quale “sicuramente si farà il punto su quello che è accaduto”, ha anticipato il sindaco che ha poi proseguito: “Adesso abbiamo bisogno di due notizie, quella importantissima che migliorino minuto per minuto le condizioni di Noemi e che il criminale barbaro senza cuore che ha sparato venga assicurato al più presto alla giustizia”. Ci sono persone oneste e perbene e non solo questo manipolo agguerrito e violento di criminali”, per l’ex pm “questa città si libererà di queste forze del male perché quello che è accaduto venerdì pomeriggio è – ha concluso – un attacco alla città e come tale viene percepito in queste ore. Siamo tutti consapevoli che chi ha fatto una cosa simile non fa solo male a una bambina che lotta tra la vita e la morte, ma anche alla città intera”.
Intanto è durato circa un’ora il vertice operativo indetto oggi dal procuratore di Napoli Giovanni Melillo a cui hanno preso parte, tra gli altri, il questore, i comandanti provinciali e i responsabili investigativi. Secondo quanto si apprende si tratterà di un appuntamento che si ripeterà con cadenza quotidiana con l’obiettivo di fare il punto della situazione sul fenomeno criminale a Napoli alla luce di sviluppi investigativi giornalieri. Gli investigatori sono al lavoro per stringere il cerchio intorno all’uomo che ha sparato più volte in mezzo alla folla per uccidere Salvatore Nurcaro.



Torna alla Home

telegram

LIVE NEWS

NAPOLI, la Procura indaga tre medici per la morte, al Monaldi, del neonato venuto alla luce alla clinica Villa Stabia

Napoli. Un neonato di soli tre giorni è morto all'ospedale Monaldi di Napoli dopo aver contratto un'infezione batterica. I genitori, sconvolti dalla tragedia, hanno presentato una denuncia e la Procura di Napoli ha aperto un'indagine per omicidio colposo in ambito sanitario. Tre medici sono stati iscritti nel registro degli...

Clan Contini 180 anni di carcere per i 12 imputati dell’operazione “Cartagena”

Napoli. Dopo l'annullamento della Cassazione, il processo d'appello per i ras e l'ala imprenditoriale del clan Contini si conclude con una serie di "sconti" di pena e condanne complessive per oltre 180 anni di carcere. La Corte d'appello di Napoli ha rideterminato quasi tutte le condanne precedenti, con alcuni casi...

CRONACA NAPOLI