Corruzione, De Raho fa appello alla politica

“La politica dovrebbe attivarsi per consentire che gli organismi interni di vigilanza riescano a dare trasparenza e correttezza all’azione amministrativa. Insieme alla polizia specializzata e alla magistratura dovrebbero potere operare anche i soggetti economici e politici che sarebbero così in grado di rilevare preventivamente le presenze inquinanti accelerando il processo di bonifica, che necessariamente il nostro territorio richiede, a livello nazionale e non solo siciliano”. Lo ha detto a Palermo il procuratore nazionale Antimafia e Antiterrorismo, Federico Cafiero de Raho, rispondendo ai cronisti che gli chiedevano come la politica possa aiutare a contrastare il fenomeno dilagante in Italia della corruzione.

Renato Pagano
Contenuti Sponsorizzati