Pompei, la Ruota panoramica gira per alcuni. Ma paesaggio e ambiente chi li protegge?

SULLO STESSO ARGOMENTO

Sarebbe per chiunque un problema trovarsi nei panni del Direttore generale del Parco Archeologico di Pompei che si troverà a dover valutare se dare l’autorizzazione alla Ruota Panoramica proposta proprio di fronte agli Scavi di Pompei. Ma torniamo al Direttore Generale prossimo venturo per il parco archeologico più noto al mondo. La sua nomina dovrebbe essere decisa nel prossimo mese di Aprile. Staremo a vedere. Tanto i problemi sono là ad attenderlo. Compresa la Ruota, se il Comune di Pompei evaderà la richiesta della Società «Iesse Internazional Strategies», il cui responsabile risulta un tale Hendrik Boos, cittadino tedesco di Magdemburgo, in Sassonia. La iniziativa “turistica” – fatta su misura per un turismo dal palato facile  – si chiama «Wheel of Pompeii» e sembra essere stata vista di buon occhio dal Sindaco Amitrano che ha inoltrato la pratica all’Ufficio Tecnico Comunale con insolito zelo, rilasciando anche una dichiarazione di entusiastico consenso a “il Mattino” di qualche giorno fa.

Non si hanno però tracce di una destinazione ludica per l’area circostante la Ruota, né di una programmazione temporale della sua permanenza e nemmeno di una previsione di vantaggi esclusivi – di alcun genere – destinati alla collettività pompeiana. Ciò  lascia perplesso anche chi, come me non è contrario “a prescindere” e che continua a chiedere fino alla noia la assegnazione alla Pompei nuova del MAP, il Museo archeologico Pompeiano o comunque lo si voglia chiamare. E la attivazione parziale delle linea ferroviaria storica con la riattazione della Stazioncina borbonica ex FFSS. Pompei ne ha bisogno per non soccombere.

La Ruota, alta una sessantina di metri e più sul livello del suolo, dovrebbe sorgere vicino e nelle aree pertinenziali del capannone ex industriale che ospita il supermercato Carrefour, di fronte alla pineta demaniale. Sì proprio quella che si avvia a diventare una ex pineta per la moria dei pini che la compongono. O almeno la componevano. Dalle informazioni raccolte inoltre si sa che le “gondole” appese alla Ruota, a disposizione dei turisti più danarosi, avranno l’aria condizionata e il cestello dello champagne con ghiaccio. Una goduria lussuriosa.C’è chi può, evidentemente. Tutto va bene, madama la Marchesa, quindi?



    Il problema non sarebbe sorto se il Ministro Bonisoli non avesse fatto una dichiarazione secca e tranchant in TV dicendo, più o meno così “La Ruota a Pompei? Ma non se ne parla nemmeno” Poi però ha precisato che non gli risultava che la “Pratica della Ruota” fosse arrivata all’esame del Parco Archeologico di Pompei.E qui casca l’asino, anzi la Ruota. Intanto il Ministro ha anticipato quello che doveva, o meglio, che avrebbe dovuto essere il parere autorizzatorio di competenza di quel Direttore Generale i cui panni non vorremmo vestire. Ha fatto bene? Ha prevaricato? Certo, i vincoli – urbanistici e ambientali nel territorio pompeiano – non sono pochi. Né lievi.

    A giudicare però dallo stato di degrado delle aree circostanti gli Scavi pompeiani, punteggiate di strutture abusive e cartellonistica senza autorizzazione, non si direbbe che i vincoli sortiscano effetto. Però l’uomo che si troverà a dover dire NO alla Ruota dovrà anche prima guardarsi intorno, o guardare alle malefatte urbanistico ambientali di marca soprintendenza. Noi invitiamo dunque da queste colonne anche il Ministro a prendere cognizione del fatto che il turista che andrà su con la ruota nel cielo di Pompei vedrà alcune cose davvero inguardabili che sono opera della Soprintendenza Archeologica, oggi Parco di Pompei, nell’ultimo decennio. Ci riferiamo ai due grossi capannoni ferrosi e arrugginiti  che sono stati piazzati all’interno dell’area archeologica con scarsa o nulla sensibilità verso il paesaggio storico e storicizzato degli Scavi Pompeiani. Forse, i Pompeiani residenti e I turisti diretti alla Città nuova non hanno diritto all’integrità del Paesaggio?

    Se poi lo sguardo del turista “ruotante” si volgerà più a monte, verso l’area verde della Civita Giuliana incapperà in enorme contenitore cubico cementizio, che rimane da anni ad attendere la soluzione di un contenzioso sorto tra Soprintendenza e una Impresa appaltatrice del cubo-mostro. La pineta poi, ormai spennacchiata, non potrà difendere la vista del turista in Ruota dall’osservazione dell’archeomostro di Porta di Stabia e dall’altra casamatta che gli sta crescendo vicino. E questa vista purtroppo si offre a tutti, Turisti a Piedi, Turisti in Ruota e Residenti, senza scampo per nessuno. Meglio forse  i lecci di Via Plinio nasconderanno le due vetrate a forma di chele di granchio di Porta Anfiteatro, che – dopo anni – non si capisce ancora a cosa servano. Da queste righe emerge che la Ruota è  un problema non lieve, ma non certo il maggiore dei problemi paesaggistici e ambientali “a carico” del Parco Archeologico. Anzi, i problemi veri sono in casa del padrone di casa.

    Federico L.I.Federico







    LEGGI ANCHE

    Napoli, il film della Cortellesi apre la seconda parte del Cineforum di Arci Movie

    Il Cineforum di Arci Movie a Napoli: Proiezioni e Ospiti Fino a Maggio Il Cineforum di Arci Movie a Napoli continua ad offrire film di qualità e coinvolgenti ospiti nella splendida cornice del Pierrot di Ponticelli. Questa storica rassegna cinematografica si svolgerà da marzo a maggio 2024, presentando dieci titoli e importanti personaggi dello spettacolo per arricchire culturalmente il pubblico della città e dei dintorni. La sala di via De Meis, ristrutturata di recente, offre...

    Traffico illegale di rifiuti tra Campania e Tunisia: scattano gli arresti

    Un'operazione coordinata dalla Procura di Potenza ha portato alla scoperta di un traffico illegale di rifiuti speciali tra Campania e Tunisia. Circa 80 militari del gruppo Carabinieri per la tutela ambientale e la sicurezza energetica di Napoli, insieme al personale della Dia-Direzione investigativa antimafia, stanno attuando misure cautelari personali e patrimoniali nelle province di Napoli, Salerno, Potenza e Catanzaro. .

    Qualiano, 15enne in giro con tirapugni, coltello e proiettile

    Un 15enne di Qualiano è stato denunciato per il possesso di armi dopo essere stato fermato dai carabinieri in sella a uno scooter senza assicurazione. Durante un controllo alla circolazione, i militari hanno scoperto un tirapugni, un coltello a scatto di 21 centimetri e 49 cartucce a salve nascoste nel sottosella del veicolo. Il giovane, che era in compagnia di un amico,  è stato trovato particolarmente nervoso al momento dell'arresto. Il materiale è stato sequestrato insieme allo...

    Napoli, figlia e sorelle del boss nelle case popolari del rione Amicizia. I nomi dei 16 indagati

    La Procura di Napoli ha indagato 16 persone per l'occupazione abusiva di case popolari nel Rione Amicizia a Napoli. Tra gli indagati ci sono...

    Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

    Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE