Napoli, migrante tenta di uccidere un uomo che aveva difeso una ragazza rapinata in piazza Garibaldi

bottiglia-lite

Napoli. Gli agenti della Polizia di Stato dell’Ufficio Prevenzione Generale hanno arrestato per i reati di tentato omicidio, tentata rapina e resistenza e lesioni a pubblico ufficiale un gambiano 30enne. I poliziotti poco dopo le 9 di questa mattina mentre transitavano per piazza Garibaldi, hanno notato il 30enne mentre ripetutamente sferrava dei fendenti al volto di un uomo ormai sanguinante. Gli agenti prontamente intervenuti e con l’ausilio di un’altra pattuglia giunta in ausilio, con non poca difficoltà e, dopo una breve ma violenta colluttazione, hanno bloccato l’extracomunitario soccorrendo il ferito.

I poliziotti hanno accertato che poco prima, il 51enne, ambulante napoletano, aveva assistito ed era intervenuto al tentativo di rapina che il gambiano stava mettendo a segno nei confronti di una giovane donna intenta a conversare al telefono.Il 51enne alla vista del rapinatore che aggrediva la vittima alle spalle e a fronte delle urla della stessa, interveniva, consentendo alla ragazza di scappare. L’extracomunitario a questo punto si scagliava contro l’uomo gettandolo in terra e iniziava a colpirlo con calci e pugni tentando contestualmente di rapinargli il borsello che portato a tracolla.

Un altro cittadino extracomunitario riusciva a intervenire allontanando momentaneamente l’aggressore dalla sua vittima, il 30enne si liberava dalla presa e afferrando una bottiglia di vetro, ha colpito la vittima, ferendola.L’uomo è stato medicato presso un nosocomio cittadino per una ferita lacero contusa al volto con una prognosi di dieci giorni. Il trentenne è stato condotto al carcere di Poggioreale.

La Redazione
Contenuti Sponsorizzati