Parecchio amata dalle donne, la serie Gomorra, ha spiegato l’altro giorno durante la presentazione Nils Hartmann, responsabile delle produzioni originali di Sky Italia, ha un’audience femminile pari a quella della più sentimentale serie “The affaire”. La quarta stagione al via il 29 marzo, con la supervisione artistica e i primi quattro episodi affidati alla regia di Francesca Comencini, nonchè Maddalena Ravagli e Monica Zapelli tra i quattro sceneggiatori, promette di inchiodare più donne alla tv. Soprattutto grazie all’evoluzione del personaggio di Patrizia, interpretata da Cristiana Dell’Anna, cui Genny Savastano affida la responsabilità dei suoi affari a Secondigliano. Parlando del suo ruolo, Roberto Saviano l’ha descritta come “una donna che in una periferia del Sud avrà la sua occasione di potere, sacrificando sul suo altare ogni cosa”. L’attrice ha chiarito che la sua Patrizia “diventerà una temuta boss, mantenendo però degli aspetti materni. Nella gestione del potere non c’è un’assimilazione all’uomo, il mio personaggio conserva un approccio femminile”. Dall’Anna ha spiegato anche che se l’attenzione verso i personaggi femminili della serie si deve alla Comencini e alle sceneggiatrici, il merito della loro crescita va anche agli attori uomini e al loro modo di rapportarsi con lei e Ivana Lotito (Azzurra, la moglie di Genny) sul set: “Li ritengo le veri chiavi di cambiamento”.

La Redazione
Contenuti Sponsorizzati