Un ulivo a Pompei ricorderà Giuseppe Dorice, ucciso a Cardito dal patrigno. Fiaccolata ad un mese dalla morte

SULLO STESSO ARGOMENTO

Pompei. E’ passato un mese da quell’atroce delitto: Giuseppe Dorice, il bimbo di 7 anni massacrato di botte a Cardito dal patrigno 24 Tony Essobti è stato ricordato con una fiaccolata, partita stasera dalla chiesa di San Giuseppe dove vennero celebrati anche i funerali e conclusasi nel piazzale Aldo Moro a Pompei dove a Giuseppe è stato dedicato un albero di ulivo. Il ricordo di quell’omicidio è ancora vivo. Anche stasera è stata rinnovata l’iniziativa di raccogliere fondi per i fratellini di Giuseppe, già lanciata durante i funerali e che ha permesso di raccogliere dei soldi per aiutare i piccoli affidati ad un tutore, nell’attesa che la posizione della mamma e del papà privati della patria potestà si chiarisca.
Pochi i fondi raccolti fino ad ora, poco meno di mille euro, che saranno devoluti dalla Chiesa alle sorelline di Giuseppe (la piccola di 8 anni era finita in ospedale per le botte del patrigno quella di 4 era rimasta indenne dalla furia dell’uomo) per il loro sostentamento, bimbi rimasti senza i genitori e senza il loro fratellino. La solidarietà per la famiglia Dorice continua nelle forme più disparate. Dopo il funerale, regalato dall’impresa di pompe funebri Di Paolo, anche la tomba dove giace Giuseppe, nel cimitero di Pompei è stata donata con ‘infinito amore’ -come recita la targa sulla tomba – da Autoclass, un’azienda di Scafati. A ricordare il sacrificio di questo bambino ucciso dalla furia omicida del compagno della madre una scritta posizionata sulla tomba bianca: “Questo piccolo bambino non godrà mai della gioia di vedere un tramonto, un arcobaleno, di aiutare il prossimo o semplicemente rotolarsi sul prato in una bella giornata di primavera. Speriamo che lassù tu possa gioire. Hai avuto poco tempo per scoprire questo mondo. Dio ha voluto che tu fossi accanto a lui … ora non soffrirai più. Addio piccolo angelo. Non c’è niente di più prezioso del dolce sorriso di un bambino”.
Stasera, nel trigesimo della morte del piccolo avvenuta a Cardito, ancora una volta la città di Pompei – paese dove vive il padre – ha voluto ricordare quella tragedia e la morte di un innocente, bersaglio della violenza più assurda, senza spiegazione. (r. f.)

Nella foto la tomba del piccolo Giuseppe nel cimitero di Pompei






LEGGI ANCHE

“Giustizia per Fulvio”: la madre e l’Università di Napoli chiedono verità

"Giustizia per Fulvio" è il grido che unisce la madre di Fulvio Filace, Rosaria Corsaro, e l'Università Federico II di Napoli, dove il giovane...

Crollo di Firenze, recuperato il corpo dell’ultimo disperso

Nel cantiere di via Mariti a Firenze, il corpo dell'ultimo disperso è stato recuperato dai vigili del fuoco e successivamente affidato all'autorità giudiziaria per...

Arrestato a Capodichino boss latitante di Taranto: stava fuggendo in Spagna

Giuseppe Palumbo, un boss latitante di 35 anni della città di Taranto, è stato arrestato dalle forze dell'ordine al momento in cui stava per...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE