Terremoto a Ischia, stato di emergenza troppo breve: Nappi (FI) lancia un appello al Governo

Terremoto a Ischia, tra sette giorni scade la proroga dello stato di emergenza per il sisma dell’agosto 2017, Forza Italia chiede che vi sia una proroga. “Non esistono colori politici e differenze geografiche di fronte alle tragedie, al cospetto di drammi come quello patito dai cittadini di Ischia per il terremoto dell’agosto 2017. Non esistono neanche scadenze elettorali o di mandato: lo Stato ha il dovere di rispondere. Tra sette giorni, il 21 febbraio, scadra’ la proroga dello stato di emergenza per il sisma”. Scrive in una nota il vice coordinatore della Campania di Forza Italia e presidente dell’associazione Nord e Sud Severino Nappi. “E’ l’unica a non avere durata di un anno come, invece, prevede la nuova normativa sulla protezione civile e come, infatti, è accaduto altrove. Una differenza che non trova ragione alcuna e che provocherà seri problemi agli ischitani e difficoltà nella ricostruzione ma, soprattutto, nel ritorno alla normalità. Stiamo parlando di 2475 sfollati, di cui 2195 assistiti mediante il contributo di autonoma sistemazione e 280 alloggiati in strutture alberghiere. Senza quella proroga si bloccheranno assunzioni e si fermeranno lavori. E’ un delitto su cui non si deve tacere. Sono al fianco dei comitati e mi batterò con tutte le mie forze e in tutte le sedi opportune per richiamare l’attenzione del governo. Nessuno si giri dall’altra parte”, conclude Nappi.

La Redazione
Contenuti Sponsorizzati