Napoli, la crisi della Gestioncar di Gianturco, i dipendenti senza stipendio: ‘Aiutateci’

SULLO STESSO ARGOMENTO

Napoli. A Gianturco è ubicata una grande azienda, la Gestioncar, il cui capo era l’imprenditore Gennaro Gargano, deceduto prematuramente. L’azienda, nonostante qualche problema ovviato dai soliti compromessi datore/dipendente, riusciva a garantiva lo stipendio a tutti i suoi dipendenti grazie a una solida comessa di Automotive. Dopo la morte di Gargano, la gestinoe aziendale passa ai figli ma, con la perdita della principale e unica commessa è iniziato un lento declino. Dalla fine del 2016 l’amministrazione comincia a vacillare fino allo scorso febbraio 2018 in cui il caporeparto comunica ai dipendenti che la Gestioncar è stata venduta. Per alcuni mesi l’unico contatto con la nuova dirigenza è stata una segretaria amministrativa che ha cercato di far fronte alle richieste e all’allarmismo generale per poi rassegnare le dimissioni nell’ottobre 2018. I dipendenti sono in completa autogestione, senza un referente e soprattutto senza stipendio. Inutili i tentativi di contatto da parte del sindacato. “Ieri – come fa sapere Nunzia Catrini – abbiamo iniziato uno sciopero con l’intento di smuovere le coscienze e di rompere il sistema pilotato dal nostro vecchio titolare in combutta con chissà chi… chiediamo l’aiuto di chiunque possa far luce sulla questione. Da napoletani ad una napoletana… aiutaci a farli vergognare!”






LEGGI ANCHE

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

Novichok: cos’è l’arma chimica che ha avvelenato Alexei Navalny

Il Novichok è  un veleno appartenente ad un gruppo di agenti nervini di quarta generazione sviluppati dall'Unione Sovietica negli anni '70 e '80. Sono...

Caserta, dimessa dall’ospedale, bambina di 7 anni muore il giorno dopo: scatta l’inchiesta

I genitori di Giulia Rosa Natale chiedono giustizia: "Perché nostra figlia è stata dimessa prima della tragedia?"

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE