Napoli. Come in Gomorra 3, come le piante di marijuana  che crescevano nella chiesa sconsacrata alla sanità e scoperta due anni fa della polizia, questa volta i clan di San Giovanni a Teduccio, zona d’Amico “Pirata” si erano appropriati di locali di proprietà del comune e avevano messo in piedi una vera e propria serra artigianale di marijuana. E così ieri pomeriggio, gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato San Giovanni Barra, hanno trovato e sottoposto a sequestro 64 piante di marijuana, coltivate, da soggetti ancora da identificare, in un locale terraneo di proprietà del Comune di Napoli, in attesa di assegnazione quale negozio, nella via Villa San Giovanni , settore D.I poliziotti, nel corso di mirati servizi di controlli tesi al contrasto ed alla prevenzione del dilagante fenomeno del traffico di droga, hanno percepito nei pressi del locale di via Villa San Giovanni, un forte odore e, ritenendo che poteva essere occultata sostanza stupefacente, hanno chiesto l’ausilio dei vigili del fuoco per accedere all’interno.

LEGGI ANCHE  Strage di Viareggio: prescritti gli omicidi colposi, appello Bis

L’apertura del cancello ha confermato il sospetto degli investigatori che si sono trovati di fronte ad una “serra” dove le piante, verosimilmente di Marijuana, erano in evidente stato di maturazione, all’interno di vasi ed esposte ad un impianto fototermico artigianale che ne consentiva la rapida crescita. L’intervento di personale specializzato della Polizia scientifica ha proseguito con i controlli e le verifiche tecniche necessarie. Tutto il materiale rinvenuto è stato sottoposto a sequestro e posto a disposizione dell’autorità giudiziaria, tempestivamente informata. Sono in corso ulteriori indagini volte all’individuazione dei responsabili dell’illecita coltura.

Ercolano: investe donna mentre attraversa la strada, poi scappa: i carabinieri denunciano 82enne

Notizia Precedente

Controlli nella Movida di Portici: denunciati due minori ‘armati’ di mazza da baseball e noccoliera

Prossima Notizia

Iscriviti alla Newsletter per leggere le ultime notizie


Ti potrebbe interessare..