tris
______________________________

Corrompevano i fantini con 600 euro “per non piazzarsi” e far “vincere il fantino di volta in volta individuato”. E’ uno dei particolari emersi dall’indagine che ha portato all’arresto per mafia di 30 persone della ‘Societa’ foggiana’. Oltre alle estorsioni e al traffico di droga, “altra fonte di guadagni illeciti – spiegano gli investigatori della Dda di Bari – e’ rappresentata dal progetto di infiltrazione nel settore delle scommesse truccate, con alterazione dei risultati delle corse dei cavalli”. “Tale circostanza – sottolineano – emerge dall’attivita’ intercettiva che ha evidenziato come i membri della ‘Societa’ foggiana’ avevano agganciato il ‘vecchiarello’, uomo di Napoli, in grado di truccare le corse tris, facendo vincere il fantino di volta in volta individuato, corrompendo gli altri fantini con 600 euro per non piazzarsi”.


Di La Redazione

Ti potrebbe interessare..