Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Cronaca

La turista inglese faccia a faccia col branco: ‘Sono stati loro a violentarmi’

Pubblicato

in



Torre Annunziata. Abito scuro, seduta sulla sedia dei testimoni con accanto un traduttore e una funzionaria dell’ambasciata inglese in Italia a darle conforto: è stata così per ore la turista inglese stuprata dal branco nell’hotel Alimuri di Meta di Sorrento a ottobre del 2016. Alle spalle della donna, convocata in aula dal Gip Emma Aufieri per l’incidente probatorio, alcuni dei suoi aguzzini: i cinque addetti dell’albergo arrestati a maggio scorso per averla drogata e poi stuprata. Assenti i tre indagati liberi, coinvolti nella violenza di gruppo ai danni della donna originaria del Kent.
Lei è rimasta, per ore, seduta su quella sedia riservata ai testimoni, con lo sguardo rivolto al giudice e al pubblico ministero Mariangela Magariello che sedeva accanto al suo avvocato Lucilla Longone. Alle sue spalle in gabbia gli indagati. Si è girata a guardarli, tutti, quando il giudice per le indagini preliminari – prima che iniziasse la testimonianza – le ha chiesto se tra gli arrestati poteva riconoscere i due barman che lavoravano sulla piscina dell’Alimuri, la sera tra il 6 e il 7 ottobre del 2016. E lei li ha riconosciuti, entrambi. Subito. La richiesta di riconoscimento ha fatto scattare le ‘rimostranze’ di alcuni difensori degli indagati, subito bloccate dal giudice
Una testimonianza lunghissima, quella della vittima dello stupro, che si è protratta per ore, dal primissimo pomeriggio, fino a sera. L’udienza, iniziata in mattinata, è stata interrotta per una notifica urgente a mezzo pec ad uno dei difensori degli imputati che non era stato avvisato. Alle eccezioni sulla regolarità delle notifiche il gip Emma Aufieri ha risposto con un provvedimento ad horas per avvisare il difensore ed poi ha superato tutte le eccezioni sollevate dagli avvocati degli 8 indagati, per consentire alla testimone – arrivata dall’Inghilterra – di essere interrogata nella forma dell’incidente probatorio. A maggio, il giudice Aufieri aveva emesso un’ordinanza di custodia cautelare a carico di , , di Massa Lubrense, e Francesco Ciro D’Antonio entrambi di Torre del Greco e di Vico Equense. Tutti sono detenuti ed erano presenti in aula. Convocati per l’incidente probatorio anche altri tre indagati a piede libero: di Castellammare di Stabia, di Meta di Sorrento e di Sant’Agnello.
La donna interrogata dal pm Magariello ha ricostruito, minuziosamente, quanto accaduto quella sera, sulla piscina dell’hotel Alimuri. Ha ricordato i momenti della prima serata, i drink bevuti in compagnia e poi di essere rimasta sola, perchè la figlia si era allontanata. Dopo il tempo trascorso in piscina era stata portata in una stanza e violentata contemporaneamente da più uomini. Ha descritto i particolari della violenza subita, mentre veniva filmata con un telefono cellulare. Un racconto interrotto spesso dalle lacrime, sofferto, durissimo. Particolari rivissuti nell’aula del tribunale alla presenza di avvocati e indagati che per tutto il tempo sono stati ad osservarla mentre lei era seduta di spalle a quella gabbia. La signora si è interrotta più volte. Fortissima la tensione, le lacrime hanno preso spesso il sopravvento. A supportarla una funzionaria dell’ambasciata inglese che l’ha accompagnata e che nei momenti di pausa l’ha confortata dandole coraggio. Accanto alla vittima un traduttore che le riferiva le domande del pm e del giudice e traduceva le sue risposte.
Fuori dall’aula Gip per ore è stata anche la presidente dell’Unione donne italiane Stefania Cantatore che ha inviato alla vittima, attraverso il suo avvocato, parole di sostegno e vicinanza. Non è escluso che l’Associazione si costituisca parte civile nel processo in corso: “Lancio un appello alle associazioni di categoria degli albergatori e agli imprenditori del settore a verificare – ha detto Stefania Cantatore – quale tipo di assistenza viene fornito alle turiste single negli alberghi non solo italiani ma europei, affinchè quello che è accaduto a Meta non accada più”. L’udienza si è protratta fino a tardissima sera. Ora si attendono le decisioni del gip.

 Rosaria Federico

Continua a leggere
Pubblicità

Cronaca

A Napoli mille casi di coronavirus in 3 giorni

Pubblicato

in

Sono mille i nuovi casi di coronavirus emersi a Napoli città negli ultimi 3 giorni, ma ci sono anche  178 guariti e 1 morto.

 

E’ quanto si legge nel bollettino odierno diffuso dal Comune di Napoli sulla base dei dati forniti dall’Asl Napoli 1 Centro. Il totale dei casi di coronavirus registrati a Napoli dall’inizio dell’emergenza è 8.033: sono 164 le persone decedute (una in più rispetto a venerdì 16 ottobre, data dell’ultimo bollettino diffuso) e 2.331 (+178) i guariti.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Sfonda il muro dei 1500 contagi il coronavirus in Campania

Sono 5.538 i residenti a Napoli attualmente positivi al coronavirus (+821 rispetto a venerdì 16 ottobre, data dell’ultimo bollettino diffuso), dei quali 5.364 (+802) in isolamento domiciliare e 174 (+19) ricoverati in ospedale, di cui 15 (+3) in terapia intensiva.

Continua a leggere

Le Notizie più lette