Gira video sdraiato a terra, travolto e ucciso dallo scooter dell’amico

SULLO STESSO ARGOMENTO

Un ‘gioco’ in una sera d’estate, sdraiarsi sulla strada per riprendere con il cellulare l’amico che passa con lo scooter, finisce nel dramma: un diciassettenne morto, quello che doveva realizzare il video, e un suo coetaneo, alla guida del ciclomotore, in ospedale per lievi ferite ma un forte stato di choc. Sono i contorni della tragedia che si e’ consumata ieri sera in un centro della provincia di Terni, dove il ragazzo, del posto, e’ morto dopo essere stato investito dal mezzo condotto da un altro minorenne. Secondo la ricostruzione dei carabinieri, non un incidente come tanti altri che avvengono sulle strade. Dagli accertamenti e’ infatti emerso che la vittima sembra stesse filmando con il proprio cellulare l’amico, un sedicenne anche lui del posto, che transitava su un rettilineo sul suo scooter. I due, intorno alle 21.30, sono giunti lungo la strada teatro della tragedia in sella allo stesso mezzo, in compagnia di un altro gruppetto di coetanei. Poi il diciassettenne e’ sceso sembra per riprendere in un video l’amico, sdraiandosi sulla carreggiata. E’ bastato un attimo – i militari stanno ancora ricostruendo con precisione la dinamica di quanto successo – e il sedicenne alla guida del ciclomotore avrebbe investito accidentalmente l’amico. Un impatto cosi’ violento da provocare al diciassettenne ferite gravissime, tanto da non dargli scampo. Inutili infatti i soccorsi da parte dell’ambulanza del 118 subito chiamata dai giovani. Ferito in modo lieve anche il sedicenne, scaraventato in terra dall’urto e trasferito all’ospedale Santa Maria di Terni, in forte stato di choc. E’ una ricostruzione, quella dell’accaduto, definita “chiara e attendibile” dai carabinieri, anche sulla scorta delle testimonianze fornite dagli altri adolescenti presenti. Ma non e’ ancora chiaro invece se fosse la prima volta che il gruppo metteva in pratica questo ‘gioco’ oppure se se fosse gia’ successo altre volte in questo piccolo centro di provincia, ora sconvolto da questa tragedia. Oltre allo scooter, i militari hanno sequestrato anche il cellulare della vittima, consegnato al magistrato Flaminio Monteleone della procura per i minorenni di Perugia, che con ogni probabilita’ disporra’ una perizia per verificare l’esistenza del video. Come atto dovuto e’ stato aperto un fascicolo con l’accusa di omicidio colposo a carico del sedicenne. Che ora piange la morte di uno dei suoi migliori amici, con il quale recentemente aveva trascorso le vacanze estive e frequentava le attivita’ parrocchiali.






LEGGI ANCHE

Napoli, tragedia di San Giovanni a Teduccio, raccolta fondi on line per i figli rimasti orfani

È partita una raccolta fondi organizzata da Antonio Molisso sulla piattaforma  GoFundMe per aiutare i figli della coppia di san Giovanni a Teduccio morta...

Napoli, “Se non mi date i soldi vi uccido”, 5 studenti minacciati con un coltello da un presunto camorrista

Nella recente rapina avvenuta a Napoli, 5 studenti ventenni sono stati minacciati da un individuo mentre si preparavano a riprendere l'auto parcheggiata in via...

Blitz a Pomigliano d’Arco: armi e droga, indagata famiglia peruviana

A Pomigliano d'Arco, i carabinieri della stazione locale hanno condotto un blitz presso un'abitazione situata in via Mauro Leone. L'operazione ha coinvolto un'intera famiglia...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE