Vendetta omofoba contro l’ex marito gay: non gli fa vedere i figli. Il Tribunale dà ragione alla donna

SULLO STESSO ARGOMENTO

Una vicenda nata nel 2013 quando una coppia di Giffoni Valle Piana interrompe il rapporto coniugale e il giudice civile, in sede di separazione, stabilisce il diritto del padre a vedere i figli due volte alla settimana. Tutto tranquillo fino al settembre del 2013 quando nascono i primi screzi: l’ex marito si presenta sotto casa ma la compagna da cui si è diviso non gli fa vedere i figli. Questo atteggiamento da parte della mamma si ripete tre giorni dopo e lui decide di rivolgersi alle forze dell’ordine: “Quella che un tempo era la mia compagna ha scoperto che sono omosessuale. Da quel momento per me è iniziato l’inferno: non riesco più a vedere i miei figli. La scelta omofoba di mia moglie non è giusta, è una vendetta che non accetto”. Parla un impiegato di Giffoni Valle Piana che non si arrende e chiede, sulla faccenda, l’intervento dei carabinieri. Presenta diverse denunce finché si arriva in tribunale con quattro testimoni, due carabinieri e la parte lesa interrogati dal giudice monocratico e, dopo diversi anni, si arriva alla sentenza emessa dal giudice Enrichetta Cioffi: “Il fatto non sussiste”. La moglie è innocente, non era omofoba ma aveva le sue ragioni. Secondo il giudice del tribunale di Salerno, il problema era un altro. A spiegarlo, all’edizione salernitana de Il Mattino, è l’avvocato Cristoforo Senatore, legale dell’imputata: “La mia cliente ha tutelato i suoi bambini, ha difeso la loro crescita e la loro educazione. La scelta non era dettata dall’omofobia, le accuse dell’ex marito non sono vere. Abbiamo dimostrato in tribunale che nella nuova dimora e nella nuova vita dell’ex coniuge, esplodevano liti continue con il compagno. L’omosessualità non c’entra. In quel clima violento i due bambini non potevano crescere serenamente. Il giudice ha capito le reali intenzioni della madre dei ragazzi e ha emesso una sentenza di assoluzione”. Le motivazioni della sentenza verranno pubblicate tra novanta giorni. Poi l’ex marito, con il suo legale di fiducia, dovrebbe presentare ricorso in Corte d’Appello ma senza le motivazioni del magistrato, al momento, è complicato stabilire una strategia legale.


Torna alla Home


Il video della violenta aggressione ad Antonio Morra e il pugno che gli ha causato la morte

Le immagini riprese dalle telecamere di sorveglianza del Mandela Forum la sera di giovedì sono chiare: una discussione,  un pugno e una caduta dalle scale. Così ha perso la vita Antonio Morra, 47 anni, originario di Napoli ma residente a Pistoia: è stato aggredito dopo il concerto dei Subsonica...

Sciame sismico anche sul Vesuvio, scossa in serata di magnitudo 2.1

Una domenica bestiale: e non è certo quella cantata anni fa da Fabio Concato. E' quella che hanno vissuto tutti i cittadini dei comuni dei Campi Flegrei e di buona parte della città di Napoli. Poi nei pomeriggio ci si è messo anche il Vesuvio. Perché anche l'area del Vesuvio...

Nisida, rimossi gli ormeggi abusivi dai fondali

“Ringrazio la Capitaneria di Porto e l’Autorità di sistema portuale di Napoli per aver coordinato sabato mattina un intervento importante sul litorale di Nisida grazie al quale sono stati rimossi dai fondali diversi ‘corpi morti’ utilizzati dagli ormeggiatori abusivi per ancorare le barche dei loro clienti. Grazie a questa...

Scampia, droga nascosta nel tubo: arrestato 19enne

Nel pomeriggio di ieri, durante un servizio di controllo del territorio a Scampia, gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico hanno osservato due uomini vicino ai porticati di un edificio in via Annamaria Ortese. I due hanno estratto qualcosa da un tubo cementato nell’asfalto e l'hanno scambiata con una...

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE