Ragazzina violentata e ridotta in schiavitù per due anni: arrestati due 17enni

SULLO STESSO ARGOMENTO

Violentata e ridotta in schiavitù. E’ l’incubo vissuto da una studentessa minorenne di Vasto  che, dopo quasi due anni, ha trovato il coraggio di denunciare le violenze alle quali era costretta da coetanei che la minacciavano di diffondere foto e video ripresi a sua insaputa. Due minorenni, di circa 17 anni, sono stati arrestati dai carabinieri di Vasto e dovranno ora rispondere di diverse accuse, dalla riduzione in schiavitù alla violenza sessuale di gruppo, alla cessione aggravata di sostanze stupefacenti. Tutto è partito alla fine dell’estate del 2016. Come ha raccontato ai carabinieri, la ragazzina, all’epoca 14enne, ha iniziato una relazione con un coetaneo di poco più grande. I primissimi approcci sono stati ripresi a sua insaputa con un cellulare, così il giovane ha iniziato a usare il video come arma di ricatto per avere prestazioni a sfondo sessuale in seguito insieme ad altri minorenni. In un’occasione alla giovane è stata data anche della cannabis per disinibirla e una nuova ulteriore foto a sua insaputa è stata scattata e usata come nuovo strumento di ricatto. La ragazza ha trovato il coraggio di raccontare l’incubo che stava vivendo da ormai quasi due anni a un amico, che le ha consigliato di rivolgersi ai carabinieri. Sono così scattate le indagini e i carabinieri hanno fermato due ragazzi, trovati con le immagini della giovane nello smartphone e nel tablet. I due, 17enni, sono stati arrestati.






LEGGI ANCHE

Voragine al Vomero: aperta un’inchiesta

Sarà l'inchiesta della magistratura ad eccertare le cause ed eventuali responsabilità sulla voragine che questa mattina, in via Morghen al Vomero, si è aperta...

Ordine dei Geologi: “A Napoli urgente indagine sul sottosuolo”

L'Ordine dei Geologi della Campania ha sollecitato un puntuale monitoraggio del territorio napoletano, iniziando dai quartieri più a rischio come il Vomero, in seguito...

Giugliano, naso rotto ad ausiliario del traffico per una multa

Una aggressione particolarmente grave ha visto un vigilino subire una frattura al setto nasale per un ticket da 50 centesimi non pagato. Il sindaco...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE