Il presidente della Camera Roberto Fico oggi salirà al Quirinale non prima, però, di aver visto di nuovo il Pd, alle 11, e M5S, alle 13.

Un nuovo round per capire se i due partiti confermano l’apertura del dialogo prima di andare a chiedere al presidente della Repubblica Sergio Mattarella più tempo per tentare la stretta.

Ma, se Luigi Di Maio spera, nel Pd convivono due visioni contrapposte: da un lato Maurizio Martina e l’ala ‘governista’, convinti che un accordo vada cercato fino in fondo, dall’altro i renziani contrarissimi.

Resta in silenzio Matteo Renzi che oggi, a piazza della Signoria, ha però improvvisato un ‘sondaggio’ tra la gente, rispondendo con un “ricevuto” ai molti no all’accordo per il governo con i grillini arrivati dai simpatizzanti.

Sul fattore tempo, che Mattarella deciderà se concedere, giocano tutti i partiti: il Pd in attesa della conta in direzione e M5S sperando di incassare l’accordo. Ma anche Matteo Salvini che guarda alle regionali in Friuli come ad una nuova prova di forza della Lega e Silvio Berlusconi, che, dopo il Molise, è ancora più convinto dell’ineluttabilità della coalizione di centrodestra. E, contemporaneamente, della rottura con i pentastellati.

Marco Mattiello
Contenuti Sponsorizzati