Vigilante aggredito:in rianimazione nell’ospedale Cardarelli

SULLO STESSO ARGOMENTO

Sono particolarmente gravi le condizioni di salute del vigilante che la scorsa notte a NAPOLI e’ stato colpito alla testa da ignoti mentre era in servizio nel piazzale della stazione di Piscinola della linea 1 della metropolitana. L’uomo, Francesco Della Corte, 52 anni, dipendente della Security Service, e’ ricoverato in prognosi riservata nel reparto di rianimazione dell’ospedale Cardarelli. Sull’accaduto stanno indagando gli investigatori della Polizia di Stato. Qualcuno l’ha visto a terra agonizzante, privo di sensi e in un mare di sangue. Un passante ha chiamato il 118 e le forze dell’ordine. Dalle immagini di videosorveglianza sia interne alla struttura della metropolitana, sia esterne, si sta cercando di risalire agli autori della feroce aggressione ai danni del 51enne vigilantes, sposato, di Marano, comune a Nord di Napoli, trovato ferito a sprangate al di fuori della stazione del metro’ di Piscinola. A quanto si e’ appreso, l’uomo versa in gravissime condizioni per un versamento copioso di sangue e di materia cerebrale e quindi sara’ molto complicato, per ora, riuscire a ottenere informazioni dalla vittima. Testimoni non ce ne sono, perche’ la zona, di notte, non e’ frequentata e il vigilante era in perlustrazione in ronda notturna. Circostanza che lascia perplessi gli investigatori e’ il fatto che l’uomo sia stato ritrovato in possesso sia dell’arma che dei portafogli con carte di credito e soldi in contanti. Questo potrebbe voler dire che la guardia giurata sia stata aggredita da una banda di teppisti e non a scopo di rapina. Le indagini sono coordinate dalla procura di Napoli e affidate al commissariato di Scampia. Secondo le prime informazioni raccolte dai colleghi della vittima, il 51enne stava effettuando un’ispezione di controllo nella stazione di Piscinola ed e’ stato aggredito alle spalle e colpito violentemente con un oggetto contundente alla testa ma cosa sia effettivamente accaduto e’ ancora da ricostruire.
“Solidarieta’ al lavoratore addetto alla sicurezza della stazione di Piscinola vittima di una brutale e violenta aggressione criminale, vicinanza alla sua famiglia ed auspicio che le forze dell’ordine assicurino al piu’ presto alla giustizia i responsabili del vile agguato”. Lo afferma, in una nota, il sindaco di NAPOLI, Luigi de Magistris.






LEGGI ANCHE

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE