Ponticelli, vandalizzata la scuola della legalità De Filippo: rubati computer e server

SULLO STESSO ARGOMENTO

Napoli. Vandali nella scuola simbolo della legalità a Ponticelli: rubati computer e server. Stamane il preside dell’I.C. 88° De Filippo, in via del Flauto Magico a Ponticelli, alle 7.30 ha scoperto che la sede centrale della scuola era stata completamente vandalizzata: sono stati rubati i computer dalle aule e dalla segreteria, compreso il server centrale, che è il cuore di tutte le attività. La stessa scuola aveva subìto la scorsa settimana una effrazione simile presso il plesso Petrone in via Manlio Rossi Doria: anche lì sottratti i pc e addirittura gli estintori. Con un intervento rapido da parte del personale scolastico e del Comune la scuola aveva ripreso a funzionare, ma oggi la brutta scoperta di un’ ulteriore aggressione. “Siamo davvero sconcertati e indignati: una scuola che è presidio di legalità su un territorio difficile, la stessa su cui abbiamo investito per ripristinare con lavori urgenti il plesso Madonnelle tra Natale e inizio anno, viene presa di mira e messa in condizione di dover continuamente interrompere il proprio lavoro. Con il Dirigente scolastico Scognamiglio siamo in continuo contatto perché non è possibile cedere al ricatto della violenza gratuita. Con la direzione Patrimonio e Napoli servizi interverremo per istallare un sistema di videosorveglianza, ma chiedo alle forze dell’ordine, tempestivamente intervenute, di agire con determinazione nell’attività investigativa per scoprire gli autori e gli eventuali complici di simili misfatti, che sono perpetrati ai danni dei bambini. Auspico allo stesso tempo che la comunità territoriale si rivolti contro questa barbarie e che collabori con la scuola difendendola e consentendoci di isolare chi distrugge il bene più prezioso che abbiamo”. Così l’assessore alla scuola Annamaria Palmieri.






LEGGI ANCHE

Camorra, sequestro beni allo sponsor della Casertana calcio

Sequestro beni per oltre 1,5 milioni di euro a imprenditore ritenuto contiguo al clan Belforte dei Marcianise. E tra i beni sequestrati c'è anche...

Napoli, chiede scusa in aula e vuole risarcire il motociclista che investì e uccise Elvira Zibra sul Lungomare

Processo al motociclista napoletano Gianluca Sivo accusato di omicidio colposo per la morte di Elvira Zibra, investita mentre era in sella alla sua moto...

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE