Pd, Renzi annuncia le dimissioni da segretario ma affida tutto al congresso post Governo

SULLO STESSO ARGOMENTO

Roma. Sconfitta Pd: Renzi annuncia le dimissioni ma solo ‘dopo’. Il segretario del partito analizza in una conferenza stampa la sconfitta elettorale, ma annuncia che il congresso si farà solo dopo il nuovo Governo. Una sconfitta che secondo Matteo Renzi impone “l’apertura di una pagina nuova”: “E’ ovvio che lasci la guida del Partito democratico – ha detto in conferenza stampa, annunciando che  – come previsto dallo statuto ho chiesto di convocare l’assemblea congressuale al termine della fase di insediamento di nuovo Parlamento e del Governo”.  Un congresso, precisa, da cui dovrà uscire “non un reggente scelto da un caminetto ma un segretario eletto dalle primarie”. Quindi Renzi afferma che il Pd non farà  “inciuci” o la “stampella” di un Governo formato dalle forze estremiste: “Mi sento garante di un impegno morale politico e culturale – ha detto il segretario del Pd dimissionario – abbiamo detto no a un governo con gli estremisti”. “Fate il governo senza di noi. Il nostro posto in questa legislatura sta all’opposizione. Il Pd non diventerà la stampella di un governo delle forse anti-sistema”.
Analizzando l’esito del voto, Renzi ha osservato che “chi ha vinto non ha i numeri per governare. Un problema che nasce dalla vicenda referendaria di un anno e mezzo fa. Coloro i quali si sono opposti alla riforma, oggi sono vittime di quel modello. In questa campagna elettorale segnata dalle bugie – ha detto –  ce n’è una più grande di tutte: non faremo mai accordi”. Renzi riconosce anche  gli errori del Pd, e tra questi: “Il principale è stato non capire che bisognava votare in una delle due finestre del 2017 in cui si sarebbe potuta imporre una campagna sull’agenda europea”. La prima finestra, indicata da Renzi, era quella in concomitanza con le elezioni francesi, la seconda con quelle tedesche. “Non abbiamo colto quella opportunità”. “La sconfitta nel collegio di Pesaro – ha poi sottolineato –  è il simbolo di questa campagna elettorale sulla quale dovremo riflettere a lungo. A Pesaro abbiamo candidato un ministro che ha fatto un lavoro straordinario, Marco Minniti ha saputo cambiare la percezione del problema migratorio e anche la sostanza della soluzione del problema con un lavoro che gli viene riconosciuto anche dagli avversari. Eppure il candidato del Movimento 5 stelle, per definizione degli stessi 5 stelle ‘impresentabile’ e nel frattempo scappato dalla campagna elettorale e andato in vacanza, è riuscito ad avere la meglio contro ogni valutazione di merito”.







LEGGI ANCHE

Qualiano, 15enne in giro con tirapugni, coltello e proiettile

Un 15enne di Qualiano è stato denunciato per il possesso di armi dopo essere stato fermato dai carabinieri in sella a uno scooter senza assicurazione. Durante un controllo alla circolazione, i militari hanno scoperto un tirapugni, un coltello a scatto di 21 centimetri e 49 cartucce a salve nascoste nel sottosella del veicolo. Il giovane, che era in compagnia di un amico,  è stato trovato particolarmente nervoso al momento dell'arresto. Il materiale è stato sequestrato insieme allo...

Torre del Greco, sequestro beni a revisore contabile: omessa dichiarazione

Nel contesto di un'operazione condotta dal Gruppo della Guardia di Finanza di Torre Annunziata, è stato eseguito un sequestro preventivo di 333.421,03 euro nei confronti di un revisore contabile con studio a Torre del Greco. L'azione è stata autorizzata dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Torre Annunziata su richiesta della Procura della Repubblica. Le accuse a carico del revisore contabile includono dichiarazioni infedeli e omissioni di dichiarazione. L'indagine condotta dalla Compagnia della Guardia...

Camorra, 50 anni di carcere per il racket del pane ai nuovi Lo Russo di Miano

I nuovi capi del clan Lo Russo di Miano, accusati di estorsione aggravata, per il cosiddetto racket del pane hanno incassato 50 anni di carcere. Lee condanne hanno riguardato Salvatore Di Vaio, 48 anni, detto "Totore o' Cavallo",  Alessandro Festa, 24 anni, Cosimo Napoleone, 33 anni, Fabio Pecoraro, 26 anni, Giovanni Perfetto, 59 anni, detto "o' mostr ("il mostro", ndr) e Raffaele Petriccione, 25 anni, detto "Raffaele o' pazz" sono stati condannati a 7 an...

Napoli, figlia e sorelle del boss nelle case popolari del rione Amicizia. I nomi dei 16 indagati

La Procura di Napoli ha indagato 16 persone per l'occupazione abusiva di case popolari nel Rione Amicizia a Napoli. Tra gli indagati ci sono...

Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE