Arrestati a Milano quattro napoletani rapina Rolex in trasferta

SULLO STESSO ARGOMENTO

Arrestati dalla Squadra Mobile di 4 rapinatori di Rolex. Sono napoletani attivi a Milano come responsabili di un episodio, ma presunti responsabili di una decina di casi su cui sono in corso accertamenti. Si tratta di Roberto S., di 33 anni, di Giuseppe P. di 42 e di suo cugino di 51, d di Antonio M. di 36 anni. A seguito di servizi di osservazione dopo un episodio che aveva permesso di rilevare alcune targhe che si sono presentate nell'area cittadina, la squadra mobile ha individuato l'auto usata per gli spostamenti da il 5 marzo raggiungendo Loreto dove la banda nascondeva gli scooter usati per le rapine e i furti. Il 6 marzo si è intensificata l'attività della banda che continua anche nei giorni seguenti, tutto è stato registrato dalle telecamere nelle zone di Buenos Aires, piazzale Loreto, corso Sempione e corso Vercelli. L'episodio per cui sono stati arrestati è ai danni del conducente di una Maserati Levante. I rapinatori lo hanno seguito colpendo lo specchietto in zona piazza Tricolore e gli hanno rubato il Rolex Daytona. Gli accertamenti sui telefonini utilizzati dalla banda permetteranno di ricostruire altri episodi di cui i 4 sono sospettati. Da agosto a settembre ad oggi ce ne sono una decina ma l'arresto in flagranza è per un unico episodio, i 4 sono nel Carcere di San Vittore. Gli scooter sono risultati non rubati ma intestati a persone pulite parcheggiati bene per non essere sequestrati. Tutti gli arrestati hanno numerosi precedenti specifici e sono soggetti noti alla questura di Milano.



Torna alla Home


telegram

Bimbo di 5 mesi muore azzannato dal pitbull di famiglia

Un'immane tragedia ha colpito la comunità di Palazzolo Vercellese. Un bambino di soli cinque mesi è morto dopo essere stato azzannato da un cane di grossa taglia, un pitbull, all'interno della sua abitazione. I soccorsi sono stati immediati, ma purtroppo per il piccolo non c'è stato nulla da fare. Il...

L’allarme di Arcigay: 149 casi di violenza o discriminazione nell’ultimo anno

Nell'ultimo anno sono stati registrati 149 casi di violenze o discriminazioni ai danni di persone LGBTQI+, con una media di uno ogni due giorni. L'allarme e i dati sono forniti da Arcigay, che tiene il conto degli articoli di stampa e, in occasione della giornata internazionale contro l'omofobia, la...

IN PRIMO PIANO