Lettere, scompare il fondatore di ‘O Zi Aniello, il pizzaiolo che amava i poveri

SULLO STESSO ARGOMENTO

Lettere. “Buono onesto ed operoso, amato e stimato da tutti lascia sulla terra le tracce luminose delle sue grandi virtù”, con questo messaggio la pagina ufficiale della pizzeria gragnanese annuncia il decesso di ‘O Zi Aniello, anima dell’omonimo locale sito tra Gragnano e Lettere.
La pizzeria, conosciuta in tutta la provincia di Napoli ed oltre, accoglieva clienti da tutte le zone della Campania. Famosa la specialità della casa, chiamata da tutti “La pizza con le noci”.
In occasione della canonizzazione di Maria Teresa di Calcutta, Papa Francesco offrì il pranzo a 1500 bisognosi e poveri provenienti dalla maggior parte dei dormitori delle case delle suore della religiosa albanese in Italia. In quell’occasione fu presente anche tutto lo staff della pizzeria “‘O Zi Aniello”. Tanti i messaggi di cordoglio espressi sui social per un uomo diventato ormai un simbolo.






LEGGI ANCHE

‘Babas, memorie di un cane rosso’, Stella Cervasio presenta il suo ultimo libro al Vomero

Una donna e un incrocio di molosso sono i protagonisti di una storia speciale di amicizia, basata su rispetto e protezione. Il libro "Babas, Memorie...

A Scena Teatro workshop con Giuseppe Sartori ‘Premio Stampa Teatro’

Workshop teatrale con Giuseppe Sartori: "Premio Stampa Teatro" Il “Teatralmente parlando” è il workshop che si terrà presso l'Auditorium del centro sociale di Salerno...

Marigliano, rifiuti abusivi scoperti in un’area agricola

È stato scoperto un deposito di rifiuti abusivo in un locale appartenente a una società locale, situato in un'area agricola senza concessione e in...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE