Vaccini, la Corte di Appello di Napoli: se padre e madre in disaccordo decide il pediatra

SULLO STESSO ARGOMENTO

Se padre e madre sono in disaccordo sull’opportunità o meno di sottoporre il figlio a dosi di richiamo di vaccini già somministrati, la scelta più corretta è quella “conforme all’opinione scientifica largamente dominante” e, come già risolto dalla “stragrande maggioranza della giurisprudenza di merito”, va rimessa “al pediatra di base”. Si esprime così la Corte d’Appello di NAPOLI sezione persona, famiglia e minori, pronunciandosi sul ricorso presentato dalla madre di un bambino di 7 anni contro la decisione del Tribunale per i minorenni di NAPOLI, che aveva “affievolito la responsabilità genitoriale della donna” relativamente alla somministrazione di ulteriori dosi vaccinali da eseguirsi a cura del padre, ex marito della donna e intenzionato a sottoporre il bimbo ai richiami vaccinali. I giudici ricordano di essere chiamati “semplicemente a valutare tra due opzioni, sostenute rispettivamente dal padre e dalla madre” in merito all’opportunità di sottoporre il bambino a dosi di richiamo di vaccini già somministrati”, e di ritenere, come già a suo tempo il Tribunale dei Minorenni, “più corretta la scelta conforme all’opinione scientifica largamente dominante”, questo “senza nulla togliere a teorie minoritarie e a lavori scientifici sperimentali”.

La pediatra di base inoltre “ha preso la netta posizione sull’opportunità delle vaccinazioni e sull’inesistenza di alcun rischio rispetto ai disturbi neurologici” paventati dalla madre. Alla luce di ciò il Tribunale, sottolinea la Corte d’Appello, “non ha imposto le vaccinazioni, ma ha semplicemente lasciato al padre la decisione finale”; il padre ha quindi facoltà di sottoporre il bambino alle vaccinazioni “anche senza il consenso della madre”, così come “ha facoltà di rimandarle o di cambiare idea”.







LEGGI ANCHE

Caivano, casa trasformata in piazza di spaccio: arrestate due donne

Valentina Cirico e Filomena Ambrosio, rispettivamente di 33 e 35 anni, avevano trasformato la casa in una vera e propria piazza di spaccio in cui ricevevano i clienti. I carabinieri stavano monitorando il continuo via vai di persone da quell'abitazione di Caivano e quando hanno capito che potevano trovare la droga sono intervenuti. Durante la perquisizione, infatti i Carabinieri hanno sequestrato 90 dosi di cocaina, 108 grammi della stessa sostanza da suddividere, 6 bustine di marijuana...

Castellammare, riunione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica

Si è tenuta a Castellammare di Stabia una riunione del Comitato Provinciale per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica, presieduta dal Prefetto di Napoli, Michele di Bari. All'incontro hanno preso parte le commissioni straordinarie di Castellammare di Stabia e Torre Annunziata, i sindaci dei comuni della penisola sorrentina, il presidente del Tribunale e il Procuratore della Repubblica di Torre Annunziata, il procuratore aggiunto presso il Tribunale di Napoli - DDA, i vertici provinciali delle forze dell'ordine...

La polizia arresta i 3 rapinatori di Acerra

Questa mattina, gli agenti del Commissariato di Polizia di Acerra hanno eseguito un'ordinanza emessa dal G.i.p. del Tribunale di Nola su richiesta della Procura locale. Il provvedimento riguarda tre indagati coinvolti in tre rapine, di cui due consumate e una tentata, tutte aggravate dall'uso di armi e dal travisamento del volto. Le indagini condotte nel maggio 2023 hanno rivelato un modus operandi consolidato degli indagati nel commettere reati ai danni di esercizi commerciali. Grazie all'analisi delle immagini...

Napoli, il video di sfida allo Stato costa caro a Giusy Valda: arrestata

Due video: due sfide allo Stato. Pur sapendo di non poterlo fare. Era agli arresti domiciliari e da oggi pomeriggio potrà sfoggiare il suo...

Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE