Napoli, estorsioni per il clan Sequino al rione Sanità: è caccia ai due latitanti

SULLO STESSO ARGOMENTO

È battaglia al tribunale del Riesame per i presunti estorsori del clan Sequino del rione Sanità. All’appello mancano ancora due nomi. Quelli degli esecutori materiali. Se è vero infatti che Pasquale Amodio, Francesco Grasso, Ciro Minei e Gennaro Passaretti sono stati bloccati a tempo record, la caccia è ancora aperta per quanto riguarda gli autori dell’incursione notturna in via Vergini. I due ragazzi con i giubbini e i volti travisati dai caschi semintegrali, quelli immortalati nelle immagini catturate dall’impianto di videosorveglianza dell’Arma, sono attualmente ricercati. Fino ad ora, come ricorda Il Roma, sono riusciti a sottrarsi alla cattura, ma gli investigatori della compagnia Stella hanno già tra le mani una rosa di nomi che da qui a breve dovrebbe dare i suoi frutti. Del resto l’attività d’indagine non si è ancora conclusa. Da quei frame infatti potrebbero arrivare gli elementi utili a fornire lo sprint decisivo. Il caso resta comunque per il momento avvolto dal massimo riserbo. L’unica certezza è che anche le due giovani primule rosse siano dei personaggi già a pieno titolo inseriti nei ranghi del clan Sequino.






LEGGI ANCHE

Napoli, furti in serie in abitazioni e cantieri: quattro misure cautelari

Quattro uomini sono stati raggiunti dalle misure emesse dal gip del tribunale di Napoli Nord per reati di furto aggravato, ricettazione e resistenza a...

Oroscopo di oggi 22 febbraio 2024

Oroscopo di oggi 22 febbraio 2024: le previsioni dello zodiaco segno per segno Ariete: Oggi potresti sentirti particolarmente energico e determinato a portare a termine...

Anche l’attrice Maria Grazia Cucinotta sostiene i lavoratori de Il Castello delle Cerimoni

Oltre 500 persone tra dipendenti, familiari e lavoratori dell'indotto del Castello delle Cerimonie hanno protestato a Sant'Antonio Abate dopo la confisca della struttura. La sentenza...

Clan Vanella Grassi: morto in carcere il boss Vincenzo Esposito, detto ‘o Porsche

Vincenzo Esposito, noto come ‘o Porsche, boss della Vanella Grassi, è morto in carcere a Parma, dove era detenuto da tempo. Secondo fonti investigative,...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE