A Coverciano via al corso Allenatore Uefa B, c’è Bonucci

L'inizio della nuova stagione calcistica è alle porte e...

Torre Annunziata, Arcigay denuncia: “Frasi omofobe e naziste del candidato sindaco Alfano”

SULLO STESSO ARGOMENTO

“In America vanno di moda i ricchioni. Qui esistono gli uomini e le donne, i binari non esistono… Tutti quanti là dentro, nel forno crematorio a Cava di Tirreni e abbiamo risolto il problema… puoi chiamare a Mattarella che mi fa un buccxxno a me, capito?”.

PUBBLICITA

Queste, riportano Antinoo Arcigay Napoli e Pride Vesuvio, “sono alcune delle frasi scioccanti pronunciate da Carmine Alfano, direttore della Scuola di specializzazione in Chirurgia Plastica all’Università di Salerno e candidato sindaco di Torre Annunziata, denunciate dall’Associazione Liberi Specializzandi (Als) e riportate dall’edizione online de L’Espresso”.

“Alcune delle offese sessiste e omofobe riportate nell’articolo – spiegano le due associazioni – sono rivolte agli stessi specializzandi e specializzande. Sono proprio loro che, stufi del clima vessatorio creato dal primario, le hanno registrate per portarle all’attenzione dell’opinione pubblica.

Un clima fatto di scarsa professionalità e abusi di potere che non è nuovo all’interno delle scuole di specializzazione all’interno dell’ospedale San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona”.

L’associazione, viene ricordato, “aveva già in passato segnalato atteggiamenti irrispettosi e sopra le righe da parte dei direttori”.

“Apprendiamo con stupore e sconcerto – dichiarano Antonello Sannino, presidente di Antinoo Arcigay Napoli, e Danilo Di Leo, presidente di Pride Vesuvio – delle dichiarazioni omofobe e naziste attribuite ad Alfano.

“Dichiarazioni gravissime e inaccettabili”

Ancora maggiore è lo sconcerto se lo rapportiamo al fatto che lo stesso Alfano giorni fa su radiopride.lgbt si era dichiarato a favore del riconoscimento dei diritti civili delle persone LGBTQIA+ e delle famiglie arcobaleno. Sono dichiarazioni gravissime e inaccettabili per qualsiasi cittadino o cittadina, a maggior ragione per chi si candida a ricoprire un ruolo nelle Istituzioni democratiche e insegna in una università pubblica.

Pertanto, nella speranza che la magistratura e l’Università di Salerno facciano subito luce sui fatti, consideriamo tali dichiarazioni incompatibili con la candidatura a sindaco e con l’incarico di docente universitario. Alfano provi immediatamente la sua completa innocenza o lasci l’incarico di professore e ritiri la sua candidatura a sindaco”.


LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

facebook

LEGGI ANCHE

googlenews

ULTIME NOTIZIE

PUBBLICITA