Il questore cancella il concerto del cantante neomelodico con testi inneggianti alla ‘ndrangheta’

SULLO STESSO ARGOMENTO

Il concerto di Salvatore Benincasa, cantante neomelodico originario di Rocca di Neto, è stato cancellato a poche ore dall’inizio.

L’evento, in programma per domani 4 maggio in piazza Giovanni Paolo II nell’ambito dei festeggiamenti in onore della Madonna delle Setteporte, è stato annullato su decisione del comitato di cittadini organizzatore della festa, su input del Questore di Crotone Marco Giambra.

La decisione è stata presa in seguito a preoccupazioni relative ai testi delle canzoni di Benincasa, che, secondo il Questore Giambra, “inneggiano ai boss e simpatizzano con i disvalori legati al mondo criminale”.

    Il cantante è attualmente imputato per occultamento di fucili semiautomatici con l’aggravante mafiosa nel processo contro la cosca Comito-Corigliano di Rocca di Neto. Si ipotizza anche un suo coinvolgimento con la ‘ndrangheta americana, con “tentacoli che si allungavano fino a New York”.

    Il repertorio del cantante include brani dai titoli espliciti come “Figghiolu ‘i ‘ndrangheta’”, “Latitanti” e “Pe’ i carcerati”, che confermano le preoccupazioni sollevate dal Questore Giambra.

    Recentemente, un altro concerto di Benincasa, in programma a Teggiano (Salerno), era stato annullato dalla Questura locale per i medesimi motivi.


    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    Covid studio del Pascale: chi lo ha avuto ha uno “scudo” contro il cancro

    Covid Sorprendente studio dell'istituto Pscale di Napoli:potrebbe aiutare contro il cancro La ricerca dell'Istituto dei Tumori di Napoli apre nuove strade alla lotta contro i tumori. La ricerca, accettata dalla prestigiosa rivista "Frontiers in Immunology", ha dimostrato che il virus Sars-CoV-2, responsabile del Covid-19, presenta molecole (antigeni) simili a quelle...

    Scarcerata Ilaria Salis: va ai domiciliari dopo 15 mesi in carcere

    Scarcerata Ilaria Salis: ha finalmente lasciato il carcere di Budapest dove era detenuta da oltre 15 mesi. L'attivista milanese, arrestata l'11 febbraio 2023 con l'accusa di violenza aggravata e associazione a delinquere, è stata trasferita agli arresti domiciliari. La decisione è arrivata il 15 maggio scorso, quando una commissione di secondo...

    CRONACA NAPOLI