Detenuto aggredisce la moglie in carcere: la sfregia e tenta di ucciderla con le lamette

SULLO STESSO ARGOMENTO

Momenti di terrore ieri pomeriggio nel carcere di Spini di Gardolo, in Trentino Alto Adige, dove un detenuto di 40 anni ha aggredito brutalmente la moglie durante un colloquio.

PUBBLICITA

L’uomo, già in carcere da un anno per aggressione nei confronti della consorte, l’ha sfregiata al viso con due lamette e poi ha cercato di tagliarle la gola, rischiando di recidere la carotide.

L’episodio violento si è verificato intorno alle 17:00 durante il colloquio tra l’uomo, di origini tunisine, e la moglie, un’italiana di 44 anni. Sembrava un incontro tranquillo, ma in pochi istanti l’uomo si è scagliato contro la donna con le lamette. Le è andata bene, perché le lamette non le hanno tranciato la carotide, ma ha il volto sfregiato.

La furia non si è placata e l’uomo ha tentato di tagliarle la gola, solo grazie all’intervento tempestivo degli agenti di polizia penitenziaria si è evitato il peggio.

La donna, soccorsa dal personale del carcere e dal 112, è stata trasportata in ambulanza all’ospedale Santa Chiara di Trento. Le sue condizioni non sono gravi, ma è sotto choc per l’accaduto. L’aggressore è stato invece arrestato e questa mattina sarà processato per tentato omicidio.

Le motivazioni del gesto sono ancora da chiarire. I due coniugi, che non hanno figli, avevano già avuto problemi in passato. L’uomo era già detenuto per aggressione alla moglie.

L’episodio ha provocato sgomento all’interno del carcere. I sindacati di polizia penitenziaria da tempo denunciano la carenza di personale, con 160 agenti a fronte di 227 previsti e un numero di detenuti in aumento (380 contro i 240 previsti). La cronica mancanza di personale, secondo i sindacati, mette a rischio la sicurezza sia dei detenuti che degli stessi agenti.

La Procura di Trento ha aperto un fascicolo per tentato omicidio e ha avviato le indagini per chiarire i fatti. L’uomo è stato arrestato e si trova ora a disposizione dell’autorità giudiziaria.

 

 


CLICCA QUI PER VEDERE ALTRI VIDEO


Torna alla Home

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

googlenews
facebook


DALLA HOME


CRONACA NAPOLI

PUBBLICITA

TI POTREBBE INTERESSARE