IL VIDEO

Picchiata perché non rubava troppo nella Metro: era incinta, ha partorito

SULLO STESSO ARGOMENTO

Una donna incinta all’ottavo mese è stata picchiata e derubata da un gruppo di uomini all’interno della stazione Termini della metropolitana di Roma. L’aggressione, avvenuta il 4 aprile, è stata ripresa da alcuni passanti con i loro smartphone e il video di Welcome to Favelas è diventato virale sui social media.

Secondo quanto ricostruito dalle indagini, la donna, Maria Secic, stava salendo le scale mobili quando è stata avvicinata da tre uomini che l’hanno accusata di non aver guadagnato abbastanza con l’attività di borseggio che era costretta a svolgere per loro conto. Gli uomini l’hanno poi aggredita brutalmente, picchiandola con calci e pugni, nonostante le sue suppliche di pietà e il suo stato di gravidanza avanzato.

In seguito all’aggressione, Secic è stata trasportata d’urgenza in ospedale dove ha partorito prematuramente. Il bambino, fortunatamente, è in buone condizioni di salute. La donna, invece, ha riportato diverse fratture, tra cui alcune di tipo maxillo-facciale, per le quali dovrà essere sottoposta a un intervento chirurgico.

     

    Grazie al video diventato virale e alla testimonianza della donna, gli agenti della Polizia di Stato sono riusciti a identificare tre degli aggressori. I tre uomini, tutti residenti nel campo rom di Castel Romano, sono già noti alle forze dell’ordine per il loro coinvolgimento in attività di borseggio e rapina.

    L’episodio di Maria Secic solleva ancora una volta la questione del racket del borseggio gestito da uomini di etnia rom che sfruttano donne, spesso minorenni, per le loro attività illecite. Le donne, infatti, passano meno inosservate degli uomini e, se arrestate, è più difficile che finiscano in carcere.

    Le forze dell’ordine stanno ora cercando di identificare e arrestare i restanti componenti del gruppo che ha aggredito Secic. L’aggressione è stata definita “vile e inaudita” dal Questore di Roma, che ha promesso il massimo impegno per assicurare alla giustizia i responsabili.

    Rischio di ritorsioni per la donna

    Nonostante la protezione delle forze dell’ordine, c’è il rischio che Maria Secic possa essere avvicinata e minacciata dai suoi aggressori o dai loro familiari per indurla a ritrattare la sua testimonianza.



    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    Camorra, assoluzione piena per i fratelli Diana: “Il fatto non sussiste”

    Assoluzione con formula piena - "il fatto non sussiste" - per i fratelli Antonio Diana e Nicola Diana, figli di Mario Diana, vittima innocente della criminalità organizzata. I due erano sotto processo a Santa Maria Capua Vetere con l'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa. Il tribunale, presieduto dal giudice...

    Città della Pizza 2024: a Napoli vincono Bellafesta di Lombardi Pizzeria e Comune di Trattoria Pizzeria da Cesira

    Ieri 20 Maggio si è conclusa con entusiasmo e grande partecipazione la tappa di Napoli de La Città della Pizza 2024. È stato un incontro intenso pieno di professionalità e condivisione che si è respirata durante la tutta la gara. Una giornata che ha celebrato la pizza proprio nella...

    CRONACA NAPOLI