Maxi-truffa bancaria: 48 indagati per 50 colpi tra Napoli e Caserta

SULLO STESSO ARGOMENTO

La Procura di Napoli ha concluso le indagini a carico di 48 persone – italiane, albanesi e romene – accusate di aver messo in piedi un sofisticato sistema di frodi bancarie e postali ai danni di ignari cittadini in tutta Italia.

Tra il 2016 e il 2019, la banda avrebbe messo a segno almeno 50 colpi, prosciugando o alleggerendo i conti correnti delle vittime per un bottino di oltre 500.000 euro.

L’indagine è partita dalla denuncia di un’azienda ligure che si era vista sottrarre 61.000 euro. Le indagini, condotte dai carabinieri di Marcianise e dalla Polizia Postale, hanno permesso di individuare il centro operativo dell’organizzazione in provincia di Caserta, suddiviso in quattro “cellule”:

    Cellula spagnola: guidata dall’albanese Anton Pllumbi, 34 anni.
    Cellula di Villa Literno: i capi sarebbero Michele Pepe e Raffaele Squillante.
    Cellula di Castel Volturno: al vertice Carmine Costanzo, Rosalia De Bello e Francesco Ruggiero.
    Cellula di Marcianise: guidata da Giacomo, Mario e Pierluigi Clarelli, Michele Comando e Raffaele Palmiero.
    Ogni gruppo aveva il compito di reperire i “dealer” compiacenti delle compagnie telefoniche e i “money mules”, ovvero coloro che avrebbero poi ritirato il denaro contante.

    La banda si procurava dati, documenti e codici di accesso al conto corrente della vittima.
    Isolava la rete telefonica della vittima e, tramite un dealer compiacente, trasferiva la linea su una nuova SIM attivata con documenti falsi. Su questa SIM venivano inviati i codici di sicurezza del conto.

    Come avvenivano le truffe:

    Disponeva un bonifico su un conto corrente intestato ai truffatori. I “money mules” prelevavano il denaro o effettuavano altri bonifici.

    Le vittime sono state individuate in tutta l’Italia, incluso un correntista di Sorrento a cui sono stati sottratti 61mila euro. Durante l’indagine sono state condotte 35 operazioni di perquisizione in tutto il territorio italiano, che hanno portato all’arresto immediato di 4 individui accusati di falsificazione documentale, frode informatica, possesso illegale di armi e accesso non autorizzato a conti correnti.

    Durante le ispezioni, le forze dell’ordine hanno rinvenuto un gran numero di documenti e dispositivi elettronici. Il pm dovrebbe presentare le sue richieste di rinvio a giudizio nei prossimi giorni.

    Le accuse:

    Associazione a delinquere
    Riciclaggio
    Accesso abusivo a sistema informatico
    Possesso e fabbricazione di documenti di identificazione
    Frode informatica
    Contraffazione di impronte di pubblica autenticazione

    Le indagini:

    35 perquisizioni in tutta Italia.
    4 arresti in flagranza per falso documentale, frode informatica, porto abusivo di armi e accesso abusivo a conti correnti.
    Sequestro di numerosi documenti e dispositivi informatici.

     



    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    telegram

    LIVE NEWS

    Casoria, ex amministratore si appropriava dei soldi dei condòmini: sequestrati 300mila euro

    I finanzieri del Gruppo di Frattamaggiore del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli hanno dato esecuzione a un provvedimento di sequestro preventivo d'urgenza, per un importo pari a circa 300 mila euro, emesso dalla Procura della Repubblica di Napoli Nord nei confronti di un ex amministratore di...

    Napoli, società turca fornirà 20 tram: firmato oggi l’accordo

    Napoli. È stato sottoscritto oggi a Palazzo San Giacomo, sede del Comune di Napoli, alla presenza del segretario generale del Comune, l’accordo quadro per la fornitura di 20 tram bidirezionali. L'accordo è stato firmato tra il dirigente del Servizio Infrastrutture di Trasporto Speciali e la società turca Bozankaya Otomotiv Makina,...

    CRONACA NAPOLI