Carabinieri morti, il vescovo di Manfredonia: “E’ stato un assassinio”

SULLO STESSO ARGOMENTO

“La loro morte è un assassino. La loro morte è un crimine. Perché fare uso di sostanze stupefacenti significa armarsi”.

E’ il duro monito di Franco Moscone il vescovo di Manfredonia, nel Foggiano, durante l’omelia dei funerali di Francesco Pastore, il maresciallo dei carabinieri morto nell’incidente stradale avvenuto sabato sera in provincia di Salerno dove è morto anche un altro militare Francesco Ferraro originario della provincia di Lecce.

“Cristo – ha proseguito il prelato- si e’ fermato ad Eboli. Questo non è solo il titolo di un libro o di un film. E’ vero Cristo si è fermato ad Eboli sulla statale dove è avvenuto l’incidente stradale e si è fermato nei corpi dei due Francesco. E si è fermato a Manfredonia, nelle nostre città rimaste attonite, ammutolite per quanto accaduto.

    Cristo si è fermato nell’Arma dei carabinieri e nell’animo di tutti loro per l’ennesima perdita di loro uomini al servizio della collettivita’ e dello Stato”.

    “Voglio dire a tutti – ha concluso il vescovo- voglio dire ai genitori, agli amici Francesco cerchiamolo nei nostri cuori che con il suo sorriso, con i suoi occhi continua a parlarci”


    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    Verso Napoli Lecce: Osimhen e Zielinski a parte, tendinopatia per Rrahmani

    Mattinata intensa di lavoro per il Napoli in vista dell'ultima partita di campionato contro il Lecce, che si disputerà domenica allo stadio Diego Armando Maradona alle ore 18. Gli azzurri si sono concentrati su attivazione e circuito di forza, concludendo la sessione con una partitella a campo ridotto. Victor Osimhen...

    Napoli, arrestato il ladro di smartphone del Centro Direzionale

    Napoli. Due donne hanno denunciato di essere state vittime di furto e tentato furto dei loro cellulari all'interno del Centro Direzionale a Napoli. Le guardie giurate hanno poi individuato e consegnato alla polizia il sospettato, un 21enne napoletano con precedenti di polizia. Dalle indagini è emerso che il 21enne era responsabile...

    CRONACA NAPOLI