Ordine di Hagal: ecco chi sono i napoletani colpiti dall’inchiesta

SULLO STESSO ARGOMENTO

C’è anche un latitante tra i destinatari delle cinque misure interdittive emesse dalla Questura di Napoli nei confronti di altrettanti membri dell’associazione eversiva di estrema destra “Ordine di Hagal”.

I provvedimenti hanno colpito Maurizio Ammendola (44 anni), presidente dell’associazione,ì Michele Rinaldi (48 anni), vice presidente, Massimiliano Mariano (47 anni), responsabile dell’indottrinamento,  Gianpiero Testa (26 anni), responsabile del reclutamento e delle attività di gruppom e infine Anton Radomsky (27 anni), latitante in Ucraina.

A Massimiliano Mariano è stata notificata una misura interdittiva di tre anni mentre ad  Ammendola, Rinaldi, Testa una misura interdittiva di tre anni e mezzo.

Le indagini della Digos, coordinate dalla Procura di Napoli, hanno evidenziato la pericolosità degli indagati.

Radomsky, già irreperibile all’epoca dei provvedimenti cautelari, si trova in Ucraina e ha contatti con il battaglione Azov.

L’operazione dimostra l’impegno delle forze dell’ordine nel contrastare l’estremismo di destra. La latitanza di Radomsky e i suoi contatti con il battaglione Azov destano preoccupazione.

L’associazione “Ordine di Hagal” era attiva in Campania. I membri si occupavano di propaganda, proselitismo, indottrinamento e addestramento. L’associazione aveva una struttura gerarchica ben definita. Le indagini sono state avviate nel 2022.

Il provvedimento del giudice è stato emesso su richiesta della Questura di Napoli.
Il quadro che emerge è preoccupante: perché l’estremismo di destra è ancora presente in Italia.

Le associazioni eversive possono reclutare nuovi membri anche online. La collaborazione tra le forze dell’ordine è fondamentale per contrastare questo fenomeno.

 



LIVE NEWS

Don Patriciello: “De Luca non mi ha dato la mano, ma l’avrei ignorato”

Alla domanda se il governatore della Campania lo abbia...
DALLA HOME

Tragedia in Valtellina: morti tre giovani finanzieri

Tragedia in Valtellina: 3 giovani finanzieri del Sagf perdono la vita durante un'esercitazione in montagna. Un'esercitazione di addestramento si è trasformata in tragedia questa mattina in Valtellina, dove tre giovani militari del Soccorso Alpino della Guardia di Finanza (Sagf) hanno perso la vita precipitando da una parete rocciosa. I tre alpini,...

ULTIME NOTIZIE

TI POTREBBE INTERESSARE