Camorra, l’allarme della Dia: “Le giovani leve pronte alla guerra per il potere”

La Camorra di oggi a Napoli e provincia fotografata...

Napoli, licenziamento illegittimo: la Corte di Appello reintegra 5 lavoratori della Catone trasporti

SULLO STESSO ARGOMENTO

Cinque lavoratori della Catone Trasporti srl, iscritti alla Flai-Cgil, sono stati reintegrati dal giudice della sezione Lavoro della Corte d’Appello di Napoli.

PUBBLICITA

I lavoratori erano stati licenziati per giusta causa “per aver svolto un turno diverso da quello disposto” dal datore di lavoro. La Flai-Cgil, attraverso l’avvocato Raffaele Ferrara,  ha impugnato il provvedimento, sostenendo che i licenziamenti erano illegittimi in quanto ritorsione per lo sciopero dei lavoratori contro il mancato riconoscimento del contratto integrativo.

Punti Chiave Articolo

Il giudice ha dato ragione ai lavoratori, dichiarando illegittimi i licenziamenti e condannando l’azienda al pagamento di 12 mensilità ciascuno a titolo di risarcimento.

La sentenza crea un precedente importante e mette in guardia i datori di lavoro dal mancato rispetto dei contratti collettivi nazionali di riferimento.

Ecco i punti salienti della vicenda

I lavoratori erano stati licenziati per aver protestato contro il mancato riconoscimento del contratto integrativo. La Flai-Cgil ha impugnato il provvedimento, sostenendo l’illegittimità dei licenziamenti.

Il giudice ha dato ragione ai lavoratori, reintegrandoli nelle loro mansioni e condannando l’azienda al pagamento di un risarcimento.

La sentenza crea un precedente importante per la tutela dei diritti dei lavoratori. La Flai-Cgil ha espresso soddisfazione per la sentenza e ha ringraziato l’avvocato Raffaele Ferrara che ha assistito i lavoratori.

Si tratta di una vittoria importante per i diritti dei lavoratori e un monito per le aziende che non li rispettano.


LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

googlenews
facebook


I FATTI DEL GIORNO

ULTIME NOTIZIE

TI POTREBBE INTERESSARE