I DATI

In Italia culle sempre più vuote: sei neonati ogni mille abitanti

SULLO STESSO ARGOMENTO

L’Istituto Nazionale di Statistica (Istat) ha pubblicato oggi i dati relativi agli indicatori demografici del 2023, offrendo uno sguardo all’attuale panorama delle nascite e della popolazione in Italia. I numeri confermano un trend preoccupante, con un continuo calo delle nascite e un’invecchiamento della popolazione.

Nel corso del 2023, sono stati registrati solo sei neonati ogni mille abitanti, con un totale di 379.000 nascite, in calo rispetto all’anno precedente. Questo dato rappresenta una diminuzione significativa, con 14.000 bimbi nati in meno rispetto all’anno precedente e una tendenza negativa che si protrae dal 2008, ultimo anno di aumento delle nascite.

Il numero medio di figli per donna è sceso a 1,20 nel 2023, avvicinandosi al minimo storico registrato nel 1995. La situazione è particolarmente critica in Sardegna, dove il tasso di fecondità è stabile al di sotto di un figlio per donna per il quarto anno consecutivo.

L’invecchiamento della popolazione è evidente anche nei dati sulla mortalità, con un calo del 8% dei decessi rispetto al 2022 e un significativo aumento della speranza di vita, che raggiunge i 83,1 anni. L’età media della popolazione è salita a 46,6 anni, con una percentuale sempre maggiore di persone anziane, che rappresentano il 24,3% della popolazione totale.

Nonostante il calo demografico, la popolazione italiana rimane quasi stabile grazie alle immigrazioni dall’estero. Tuttavia, le disparità regionali sono evidenti, con una variazione negativa nel Mezzogiorno e un aumento nel Nord e nel Centro. La situazione preoccupa esperti e associazioni familiari, che sottolineano la necessità di politiche serie per contrastare il declino demografico.

“Questo crollo demografico ci sta condannando a un futuro insostenibile”, afferma Adriano Bordignon, presidente del Forum Nazionale delle Associazioni Familiari. Anche il presidente della Fondazione per la Natalità, Gigi De Palo, esprime preoccupazione, sottolineando l’urgente necessità di politiche familiari ed economiche concrete per affrontare l’inverno demografico che minaccia il Paese.


Torna alla Home

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui


Nocera Superiore, pusher arrestato con crack e cocaina

Ancora un arresto eccellente per la Guardia di Finanza di Salerno nell'ambito delle attività di controllo del territorio. I finanzieri della Compagnia di Cava de' Tirreni hanno infatti arrestato un noto pusher a Nocera Superiore. L'operazione è avvenuta nei giorni scorsi. I militari, a seguito di un'attenta attività di monitoraggio,...

Napoli, al Cardarelli espiantato il cuore a un paziente di 75 anni

L'ospedale Cardarelli, in occasione della giornata nazionale per la donazione degli organi, ha annunciato di aver espiantato il cuore di un paziente settantacinquenne per trapiantarlo con successo in un uomo cinquantenne in lista d'attesa. Questo eccezionale trapianto si è distinto per la generosità della famiglia del donatore e per l'abilità...

Villa Literno, ai domiciliari scappa per spacciare cocaina: arrestato

Era sotto regime di arresti domiciliari per reati legati allo spaccio di sostanze stupefacenti e aveva il permesso di recarsi al lavoro presso un'azienda agricola locale dal lunedì al sabato, dalle 07:30 alle 16:30, previa notifica giornaliera ai Carabinieri. Come di consueto, anche ieri mattina il 46enne di Villa Literno,...

Secondigliano, aggredisce e minaccia la moglie con un palo di ferro: arrestato

Napoli - Un uomo di 48 anni è stato arrestato dalla Polizia di Stato a Secondigliano per maltrattamenti in famiglia. L'uomo ha aggredito e minacciato la moglie con un palo di ferro, sfondando anche la porta di ingresso della loro abitazione. L'episodio è avvenuto ieri pomeriggio. La donna, in forte...

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE