Giovedì Santo e zuppa di Cozze: una tradizione napoletana di 250 anni

SULLO STESSO ARGOMENTO

La Pasqua è alle porte e prima del suo arrivo c’è una tradizione tutta napoletana, consueta per molti ma conosciuta a fondo da pochi. Stiamo parlando della tipica zuppa di cozze che viene consumata il Giovedì Santo.

Questa usanza culinaria, con profonde radici storiche, pone una domanda legittima: perché specificamente questo piatto viene preparato il Giovedì Santo?

 Perché si mangia la zuppa di cozze il Giovedì santo

Questa tradizione affonda le sue radici in una passione culinaria così fervente da dare vita a un piatto succulento: le “Cozzeche dint’a Cannola” (le cozze nella culla).



    Consistono in una culla di pomodori di Sorrento, riempita da cozze, aglio, capperi, origano, olio, sale, pepe e la muddica atturrata. Questo piatto, sebbene originariamente modesto, fu elevato al rango di specialità da Gregorio Maria Rocco, un frate domenicano così influente che persino lo scrittore Alexandre Dumas lo definì più importante a Napoli del Sindaco, dell’Arcivescovo e persino del Re.

    Il re Ferdinando I di Borbone, noto per il suo peccato di gola, decise, per evitare le critiche del frate, di astenersi almeno per la settimana che precedeva la Pasqua da indulgenze culinarie eccessive.

    Tuttavia, il giovedì Santo non rinunciò alle Cozzeche dint’a Cannola, optando per una versione più leggera, arricchita con olio di peperoncino piccante e una spruzzata di salsa di pomodoro, che divenne nota come zuppa di cozze. Questa ricetta semplice si diffuse rapidamente anche tra il popolo.

    I napoletani, per ragioni economiche, sostituirono le preziose cozze bacolesi con varietà più accessibili e molti aggiunsero lumache di mare, olio piccante e un tocco di pomodoro.

    Così nacque la tradizione della zuppa di cozze del giovedì santo, che nel corso del tempo ha subito alcune modifiche nella sua preparazione, ma che ha continuato indisturbata per oltre 250 anni.


    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui


    Un polo fieristico dedicato alla zootecnia destinato a diventare il più grande d’Italia e pronto a lanciare la sfida all’Europa. Una iniezione di fiducia ai giovani e la grande volontà di completare le opere dedicate al segmento dell’agricoltura iniziate negli ultimi anni. Questi i buoni propositi lanciati da Casa Coldiretti...
    Napoli affonda nella delusione dopo la sconfitta casalinga contro l'Empoli. L'amarezza per un anno senza successi dopo lo scudetto è profonda, e l'atteggiamento svogliato di Osimhen e compagni ha fatto guadagnare loro l'indifferenza di una città che solo 12 mesi fa festeggiava il titolo fino a tarda notte. La disillusione...
    Violenza all'esterno dello stadio Arechi prima del match tra Salernitana e Fiorentina. Dieci agenti delle forze dell'ordine sono rimasti feriti negli scontri tra le due tifoserie. Secondo quanto riferito dalla Questura di Salerno, tre agenti sono stati trasportati in ospedale per le cure del caso, mentre gli altri sette sono...
    Antonio Scurati, ha recitato (e in parte aggiunto) a Napoli, durante l'evento Repubblica delle Idee, il monologo sul 25 aprile che avrebbe dovuto essere presentato su Rai3 da Serena Bortone. Il pubblico ha interrotto l'autore più volte con applausi. "Il fascismo è stato, per tutta la sua esistenza storica e...

    IN PRIMO PIANO