29 ciclisti morti sulle strade italiane dall’inizio dell’anno: l’allarme dell’Asaps

SULLO STESSO ARGOMENTO

Sono già 29 i ciclisti che hanno perso la vita sulle strade italiane dall’inizio del 2024, di cui 26 uomini e 3 donne. 17 di loro avevano più di 65 anni.

A lanciare l’allarme è l’Osservatorio Asaps (Associazione sostenitori e amici polizia stradale) – Sapidata, che evidenzia un preoccupante aumento del numero di decessi rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, quando i ciclisti morti erano stati 10.

Il mese di gennaio è stato il più tragico, con 18 vittime, un dato che supera di gran lunga le cifre degli ultimi sei anni (10 nel 2023, 11 nel 2022, 15 nel 2021, 11 nel 2020, 10 nel 2019 e 12 nel 2018). A febbraio i decessi sono stati 7, mentre nei primi dieci giorni di marzo sono già 4.

    Tra i casi più recenti, tre episodi di pirateria stradale: a Castel Volturno (Caserta), un giovane automobilista ha travolto e ucciso un ciclista per poi darsi alla fuga con i suoi amici, presentandosi solo alcune ore dopo l’incidente. A Borgaro Torinese, un 47enne è stato lasciato morire sulla strada dopo essere stato investito, mentre a Susegana (Treviso) un 90enne è stato travolto da un autobus su una corsia preferenziale.

    Per quanto riguarda la distribuzione geografica dei decessi, la Lombardia è la regione più colpita con 5 vittime, seguita da Veneto (4), Toscana, Lazio e Campania (3), Emilia-Romagna, Sardegna e Friuli Venezia Giulia (2).

    L’Asaps sottolinea la gravità della situazione e invita le autorità a prendere urgenti provvedimenti per migliorare la sicurezza dei ciclisti sulle strade.


    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    telegram

    LIVE NEWS

    Napoli, agguato alle Case Nuove: arrestato Francesco Matteo

    Ieri mattina, la Polizia di Stato ha arrestato un...
    DALLA HOME

    Giochi per l’oratorio e il grest da fare al chiuso: idee divertenti per tutte le età 

    In un mondo sempre più dominato dalle tecnologie e dagli schermi, è fondamentale offrire ai bambini e ai ragazzi esperienze coinvolgenti. Tuttavia, quando le condizioni atmosferiche non permettono di svolgere attività all’aperto, diventa essenziale trovare alternative altrettanto divertenti ma che non richiedono l’impiego di uno spazio esterno. Pertanto, l’organizzazione...

    ULTIME NOTIZIE

    TI POTREBBE INTERESSARE