Casal di Principe, don Luigi Ciotti: ‘Si arrivi alla beatificazione di don Peppe Diana’

SULLO STESSO ARGOMENTO

Trentesimo anniversario dell’uccisione di Don Diana: una folla a Casal di Principe per chiedere la sua beatificazione.

A trent’anni dall’assassinio per mano della camorra, Don Giuseppe Diana continua a vivere nella memoria e nel cuore di migliaia di persone. In occasione del triste anniversario, una folla di novemila persone, tra cui molti studenti, ha partecipato al corteo a Casal di Principe per commemorare il sacerdote e chiedere la sua beatificazione.

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha definito Don Diana “un testimone di speranza, un educatore alla libertà, un punto di riferimento per i giovani e le persone oneste di Casal di Principe”. Un messaggio di speranza e di impegno che è stato ripreso da tutti gli intervenuti, tra cui il vescovo di Aversa Angelo Spinillo, il presidente di Libera Don Luigi Ciotti e la presidente della Commissione Antimafia Chiara Colosimo.

    Don Luigi Ciotti ha auspicato che si arrivi presto alla beatificazione di Don Diana, affermando che “il suo martirio è davanti agli occhi di tutti” e che “nella nostra mente e nei nostri cuori, don Peppino è già santo”. Ciotti ha inoltre sottolineato che, nonostante i progressi compiuti negli anni, la lotta alla mafia è ancora una sfida importante per il nostro Paese.

    Il corteo si è concluso nel piazzale di fronte al cimitero, dove Don Diana è sepolto. La studentessa Martina, a nome di tutti i ragazzi presenti, ha dichiarato: “Don Peppino vive con noi, è sempre lui che ci mostra la strada da seguire, fatta di giustizia e legalità”.

    La partecipazione di così tante persone al corteo di Casal di Principe è un segno tangibile di come il messaggio di Don Diana sia ancora attuale e di come la sua figura continui a ispirare la lotta contro la camorra e per la costruzione di una società più giusta.



    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    telegram

    LIVE NEWS

    “Casa Domenico Noviello”: un centro per donne vittime di violenza a Casal di Principe

    Un centro per donne vittime di violenza sorgerà a Casal di Principe, all'interno di un bene confiscato al clan Setola. La struttura, intitolata a Domenico Noviello, medaglia d'oro al valor civile ucciso dalla camorra per aver denunciato il pizzo, rappresenta un simbolo di riscatto e legalità per la città. L'immobile...

    Ultimo saluto a Franco Di Mare, la moglie: “Perdonami se non sorrido”

    Sotto una leggera pioggia, questa mattina si sono svolti i funerali di Franco Di Mare, giornalista e dirigente Rai scomparso venerdì scorso all'età di 68 anni per un mesotelioma. La cerimonia si è tenuta nella Chiesa degli Artisti di Piazza del Popolo a Roma, gremita di amici, colleghi e...

    CRONACA NAPOLI