Il boss scrive alla Dda: “Mi pento per salvare i miei nipoti”

SULLO STESSO ARGOMENTO

Un boss catanese coinvolto nel narcotraffico ha scritto una lettera al giudice Di Bella della Dda spiegando la decisione di collaborare con la giustizia per dare un futuro migliore ai suoi nipoti dopo l’arresto della famiglia.

“Signor giudice Di Bella, grazie per i provvedimenti che ha preso nei confronti dei miei nipotini dopo l’arresto della nostra famiglia. Mi sono reso conto che i bambini non possono fare la vita che ho fatto io, entrando e uscendo dal carcere. Loro hanno diritto a un destino migliore. Per questo ho scelto di iniziare a collaborare con la giustizia”.

La lettera- come riporta l’edizione di Palermo di Repubblica-  è giunta al presidente del Tribunale per i minorenni di Catania, Roberto Di Bella, impegnato da anni nel progetto “Liberi di scegliere” per offrire opportunità migliori ai figli di mafia. Il destino dei figli di mafia riveste un ruolo cruciale per il cambiamento dei padrini e dei clan criminali.



    Il lavoro di Roberto Di Bella, dall’esperienza in Calabria fino a Catania, ha aiutato diverse donne a lasciare le famiglie criminali, con sette di loro diventate collaboratrici di giustizia. Il protocollo “Liberi di scegliere” coinvolgerà anche magistrati di altre città, ministeri e istituzioni, garantendo la possibilità per i figli di mafia di intraprendere un percorso di redenzione lontano dalle influenze criminali.

    L’impegno di Di Bella e la sua dedizione a offrire un futuro migliore ai minori coinvolti in ambienti criminali hanno ottenuto riconoscimenti da varie personalità, tra cui anche Papa Francesco. L’importanza di questi provvedimenti giudiziari non solo punisce i genitori coinvolti, ma protegge soprattutto i ragazzi coinvolti, creando un ambiente favorevole al cambiamento e al riscatto individuale.


    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui


    La Giunta comunale ha dato il via libera ai lavori di messa in sicurezza di un settore delle gradinate della Curva B inferiore dello stadio Maradona. Questa decisione è stata presa in seguito al riscontro di alcuni avvallamenti dei gradoni, che hanno evidenziato la necessità di interventi urgenti. Il progetto...
    Il Giudice dell'Udienza Preliminare di Salerno ha emesso una condanna di due anni e dieci mesi di reclusione per Salvo Gregorio Mirarchi, 32 anni di Montepaone. Mirarchi è stato ritenuto responsabile delle minacce di morte contenute in una lettera inviata nel gennaio del 2023 alla Procura della Repubblica di Catanzaro,...
    Il Barcellona non accetta la sconfitta nel "Clasico" contro il Real Madrid e si prepara a chiedere la ripetizione della partita persa ieri per 3-2. La decisione è stata presa in seguito al controverso gol fantasma di Lamine Yamal, un episodio che potrebbe aver cambiato le sorti del match. Il...
    Il Napoli, tra un risultato deludente e l'altro, ha ripreso oggi nel pomeriggio gli allenamenti presso l'SSCN Konami Training Center di Castel Volturno in preparazione del prossimo match di campionato contro la Roma, in programma domenica allo Stadio Maradona alle 18:00. I giocatori si sono concentrati sul campo 2, iniziando...

    IN PRIMO PIANO