Boom di scabbia in Italia: viaggi all’estero e resistenza alle cure in causa

SULLO STESSO ARGOMENTO

Il numero di casi di scabbia, una malattia pruriginosa e altamente contagiosa causata dal parassita Sarcoptes scabiei homini, è in aumento. Questa malattia da prurito è diffusa in tutto il mondo e si manifesta senza distinzione di etnia o classe sociale.

Nell’ultimo biennio, l’Irccs, Ospedale Meyer di Firenze, ha registrato un aumento del 30% dei casi. Qui, è stata sviluppata una nuova terapia a base di zolfo, un rimedio antico, per combattere l’epidemia. Attualmente, l’ospedale segnala tra i 2 e 3 nuovi casi di scabbia al giorno, totalizzando oltre 100 nuove diagnosi all’anno.

La malattia si trasmette attraverso il contatto diretto, rendendola molto diffusa tra le famiglie e comunità. “Abbiamo sempre avuto casi di scabbia”, ha dichiarato al FattoQuotidiano.it il Dott. Cesare Filippeschi, dermatologo del Meyer. L’aumento dei casi è attribuito alla ripresa dei viaggi internazionali post-COVID, così come una crescente resistenza ai farmaci utilizzati storicamente per trattare la malattia, come la permetrina e l’ivermectina.



    “Inizialmente si guariva dalla scabbia con un solo trattamento notturno di crema a base di permetrina”, ha aggiunto Filippeschi. “Negli anni successivi, abbiamo dovuto aumentare il numero di applicazioni a seguito dell’emergere della resistenza a questo farmaco, un problema non solo in Italia ma in altri Paesi”. Si è quindi adottato un nuovo trattamento combinato di permetrina e ivermectina per via orale. Tuttavia, negli ultimi 2-3 anni, numerose ricadute hanno richiesto l’introduzione di terapie più antiche.

    In collaborazione con gli specialisti del Bambin Gesù di Roma, Filippeschi e il suo team hanno ideato un trattamento a base di zolfo, noto per aver causato irritazioni cutanee in passato. Per contrastare questa reazione indesiderata, hanno sviluppato un preparato con una concentrazione di zolfo al 17% basato su una crema emolliente che permette al zolfo di agire senza provocare irritazioni. I risultati preliminari sono promettenti e sono stati recentemente pubblicati sulla rivista International Journal of Dermatology.

    Non solo, questo nuovo trattamento sta attirando l’attenzione di molti altri centri di cura nazionali ed internazionali. Lo sviluppo di terapie efficaci utilizzando molecole ‘vecchie’ non è nuovo: fumi di fiori di zolfo bruciati sono stati utilizzati per disinfettare le stanze dei pazienti con scabbia fino agli anni ’90, come ricorda Filippeschi.

    Un altro grande vantaggio del preparato a base di zolfo è il costo, molto più basso rispetto a quello delle altre terapie in commercio, che non sono sempre coperte dall’assicurazione. Di conseguenza, per una famiglia che affronta la scabbia, questo trattamento rappresenta un significativo risparmio.


    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui


    Francesco Benigno è stato squalificato dall'Isola dei Famosi dopo meno di una settimana. La produzione del reality ha comunicato la decisione con una nota ufficiale, senza specificare i "comportamenti non consoni e vietati dal regolamento" che hanno portato all'espulsione dell'attore. Benigno, dal canto suo, ha duramente contestato la squalifica sui...
    Nel corso del terzo tentativo di arbitrato per dirimere la controversia sul pagamento di 19,5 milioni di euro di stipendi arretrati spettanti a Cristiano Ronaldo, l'ex stella della Juventus ha finalmente ottenuto giustizia al di fuori delle aule di tribunale. Il collegio arbitrale incaricato di risolvere la questione, composto...
    Le indagini sulla presunta partecipazione a scommesse illegali nel calcio hanno portato a conseguenze serie per quattro giocatori, attualmente o ex del Benevento Calcio, che rischiano una squalifica di tre anni. Gaetano Letizia, Francesco Forte, Enrico Brignola e Christian Pastina sono i nomi coinvolti nel caso, che ha scosso...
    Il 10 maggio a Giffoni Valle Piana l'ottava edizione Leonardo 2024 a Giancarlo Giannini. Per la prima volta l’attore sarà premiato non solo perché simbolo del cinema italiano ma come progettista tecnico. Presentano Pino Strabioli e Alba Parietti. Tema la luna: interverrà Giani Togni. I premiati: per la Divulgazione Scientifica Alberto Luca Recchi per...

    IN PRIMO PIANO