Caserta, commerciante pusher inviava i collaboratori per le consegne a domicilio

SULLO STESSO ARGOMENTO

All’apparenza era una normale consegna a domicilio da parte dun collaboratore del commerciante. Ma in effetti era uno spaccio di droga.

Invece della spesa però appunto consegnavano droga. Protagonisti un commerciante della  frazione Marzanello di Vairano Scalo che è finito in carcere e due collaboratori.

Un giovane del luogo, già noto alle forze dell’ordine, si occupava della vendita al dettaglio di cocaina e hashish spostandosi continuamente per evitare controlli, mentre un cittadino straniero, apparentemente irreprensibile, aveva il compito di custodire la droga. Entrambi sono stati posti ai domiciliari.



    Gli arresti sono stati portati a termine dai Carabinieri della Compagnia di Capua su richiesta della Procura locale, con l’emissione del gip di Santa Maria Capua Vetere. I tre sono accusati di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti come cocaina, hashish e marijuana.

     Arrestato un commerciante di Vairano Scalo

    L’indagine, avviata nel dicembre 2021 e conclusasi a gennaio dell’anno successivo, è stata condotta dai militari di Vairano Scalo, i quali hanno utilizzato intercettazioni telefoniche, ambientali, riprese video, localizzazione di apparati mobili tramite dispositivi GPS, servizi di osservazione, controllo e pedinamento, oltre a numerosi sequestri di sostanze stupefacenti.

    Durante le indagini è emerso che gli indagati, tra ottobre 2020 e fine 2022, erogavano droghe nella frazione Marzanello di Vairano Scalo e nei comuni limitrofi. Il commerciante, sfruttando i suoi contatti giornalieri di lavoro, organizzava incontri con gli acquirenti per la vendita successiva di droghe, talvolta effettuata tramite consegne a domicilio.

    Durante l’attività investigativa sono state documentate numerose cessioni di droga e sequestrati oltre 500 grammi di sostanze stupefacenti.


    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui


    Piedimonte Matese, 48enne arrestato per ricettazione e truffa aggravata

    Un uomo di 48 anni è stato arrestato dai Carabinieri a Piedimonte Matese per ricettazione e truffa aggravata. L'ordine di carcerazione è stato eseguito in seguito a una sentenza della Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere. L'arresto è avvenuto dopo che l'uomo è stato individuato e raggiunto dai...

    Cento giorni alle Olimpiadi di Parigi 2024: da Tamberi a Dell’Aquila, gli azzurri già qualificati

    Con l'avvicinarsi dei Giochi Olimpici di Parigi 2024, l'Italia si prepara a raggiungere l'ambizioso obiettivo di replicare il successo delle quaranta medaglie conquistate a Tokyo 2020. Tuttavia, per raggiungere questo traguardo, sarà fondamentale ottenere un numero considerevole di qualificati in diverse discipline. Tra le notizie recenti, è emerso che il...

    Ndicka, Malagò: “Bene il comportamento di tutti”. Ulivieri: “C’è ancora qualcosa di umano”

    La vicenda di Evan N'Dicka, il giocatore della Roma colpito da malore durante il match con l'Udinese, ha suscitato una reazione unanime di apprezzamento da parte delle istituzioni sportive italiane. Il presidente del Coni, Giovanni Malagò, ha elogiato il gesto di solidarietà e responsabilità manifestato da allenatori, squadre, arbitro...

    Napoli, cittadino dello Sri Lanka ridotto in fin di vita: fermato un connazionale

    I carabinieri della stazione di Capodimonte hanno messo in stato di fermo un cittadino dello Sri Lanka di 24 anni, sospettato di essere coinvolto nel caso di tentato omicidio ai danni di un connazionale di 31 anni. Le indagini condotte dai carabinieri insieme ai militari del nucleo operativo della compagnia...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE