Strage di famiglia, uno dei figli uccisi parlava di demoni a scuola

SULLO STESSO ARGOMENTO

Kevin Barreca, ucciso insieme al fratellino e alla madre dal padre, aveva inviato messaggi preoccupanti ad alcuni compagni di scuola.

Uno degli studenti ha raccontato di aver ricevuto un messaggio il 4 febbraio, poco prima del terribile delitto che i carabinieri di Palermo stanno ancora cercando di comprendere.

“Kevin mi scriveva che il suo fratellino di cinque anni gli diceva che c’erano dei demoni in casa”, ha riferito il compagno. “Dicono che questi demoni avrebbero ucciso e distrutto la nostra famiglia. Mi ha anche parlato di due persone che sarebbero entrate in casa, chiamandole ‘fratelli di Dio'”.

    I due cani della coppia, che insieme a Giovanni Barreca ha perpetrato l’atroce omicidio, sono stati sequestrati e portati in un canile municipale.

    Gli animali, tenuti nella villetta di via degli Aranci dei due indagati, erano in pessime condizioni e non avevano mangiato da giorni. Una persona attiva nel settore della protezione degli animali ha anche rivelato di aver affidato un gatto a Barreca, che non è stato ritrovato nella casa dove sono avvenuti i delitti.

    Questo fatto fa sorgere il sospetto che l’animale sia stato utilizzato in un rito esoterico dall’uomo, il quale era noto per il suo fanatismo religioso.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Quali varietà di dalie vengono acquistate spesso in Italia?

    Le Variètà di Dalie più Amate in Italia Le dalie, conosciute scientificamente come Dahlia, sono fiori popolari in Italia, apprezzati per la loro straordinaria bellezza...

    Maxi-risarcimento da 190mila euro ad un lavoratore esposto all’amianto

    L’avvocato Domenico Carotenuto: «La Giustizia italiana si è dimostrata attenta e imparziale nella gestione di questa vicenda»

    Quarto, schianto dopo la partita, muore arbitro di 22 anni

    Fabio Buoninsegni, un arbitro di calcio di 22 anni, di Quarto è morto in seguito a un grave incidente stradale avvenuto dopo una partita...

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    Ucciso a Lettere il boss dei narcos dei Monti Lattari: Ciro Gargiulo ‘o biondo

    Pranzo con il piombo, anzi con i proiettili di fucile per il boss dei narcos dei Monti Lattari, Ciro Gargiulo detto ciruzzo o' biondo....

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE