Sindaco di Torre del Greco scrive ai colleghi per il sostegno ai lavoratori del mare

SULLO STESSO ARGOMENTO

Il sindaco di Torre del Greco, Luigi Mennella, ha scritto a 25 sindaci di città italiane con una significativa presenza di marittimi per chiedere di promuovere iniziative comuni a sostegno della categoria.

L’iniziativa segue una riunione tenutasi a Torre del Greco alla quale hanno preso parte parlamentari, enti sovracomunali e sigle sindacali per discutere le recenti decisioni del governo che hanno penalizzato i lavoratori del mare.

Le principali lamentele riguardano la riduzione dell’indennità di malattia dal 75% al 60% e le precarie condizioni di lavoro a bordo delle navi.

    Le città coinvolte nell’iniziativa sono quelle con il maggior numero di marittimi iscritti ai comparti marittimi: Genova, Livorno, Gaeta, Napoli, Castellammare di Stabia, Salerno, Ercolano, Palermo, Porto Empedocle, Trapani, Catania, Reggio Calabria, Bari, Taranto, Monfalcone, Savona, La Spezia, Portoferraio, Civitavecchia, Crotone, Gioia Tauro, Molfetta, Ancona, San Benedetto del Tronto e Ravenna.

    Nella sua lettera, il sindaco Mennella ricorda che la legge di bilancio 2024 ha ridotto l’indennità di malattia per i marittimi dal 75% al 60%, una decisione che ha provocato la loro protesta.

    Mennella evidenzia inoltre che le condizioni di lavoro a bordo delle navi sono spesso precarie e che la stragrande maggioranza dei marittimi è costretta a lavorare con contratti atipici.

    Il sindaco di Torre del Greco invita i suoi colleghi a sollecitare i rispettivi consigli comunali ad approvare un ordine del giorno comune da sottoporre al Presidente del Consiglio e ai ministri competenti.

    L’obiettivo è aprire un serio dibattito sul futuro occupazionale dei lavoratori del mare, una categoria che rappresenta un traino importante per l’economia italiana.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE