IL VIDEO

Scoperto a San Severo un laboratorio per la produzione di eroina

SULLO STESSO ARGOMENTO

I finanzieri del Comando Provinciale di Foggia hanno scoperto un laboratorio clandestino per la produzione di eroina a San Severo. Un uomo è stato arrestato e sono stati sequestrati oltre 18 chili di sostanze stupefacenti, insieme a materiali e attrezzature utilizzati per il confezionamento.

La scoperta è avvenuta quando una pattuglia in abiti civili è stata superata da un’auto che procedeva a velocità elevata, con manovre pericolose e senza rispettare le regole del traffico. Sospettando qualcosa di illecito, i finanzieri hanno seguito l’auto fino al “Luisa Fantasia”, dove hanno identificato il conducente.

L’uomo, già noto alle forze dell’ordine, è apparso agitato e ha dato spiegazioni poco credibili sul suo comportamento. Di conseguenza, i finanzieri hanno deciso di effettuare un controllo più approfondito, durante il quale hanno trovato in suo possesso le chiavi di un’altra auto, per la quale non è stato in grado di fornire spiegazioni coerenti. L’auto è stata poi trovata a breve distanza.

    Durante la perquisizione del veicolo, è stato scoperto un doppiofondo nascosto nel cofano posteriore, all’interno del quale sono stati trovati 16.500 euro in contanti e panetti di eroina per oltre 6 chili.

    Successivamente, è stata perquisita l’abitazione del sospettato, un uomo albanese di 40 anni, dove è stato scoperto un vero e proprio laboratorio per la produzione di sostanze stupefacenti.

    Tra gli oggetti sequestrati vi erano un miscelatore, una pressa idraulica da 20 tonnellate e stampi per la produzione di panetti, nonché macchine per il sottovuoto e 11 chili di sostanze stupefacenti tra cui eroina, cocaina, morfina, mdma e sostanze da taglio.

    L’uomo è stato arrestato e trasferito presso la Casa Circondariale di Foggia, a disposizione della Procura della Repubblica.

    @riproduzione riservata



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE