Protesta degli agricoltori: trattori in viaggio verso Roma e pensano di andare anche a Sanremo

SULLO STESSO ARGOMENTO

Un corteo di circa 60 trattori è partito da Valdichiana, in Toscana, intorno alle 7:00 di questa mattina, con l’intenzione di raggiungere Roma per protestare contro le difficoltà del settore agricolo.

I manifestanti sono entrati nel Lazio intorno alle 10:00 e stanno percorrendo la strada Cassia, con l’obiettivo di raggiungere Viterbo. Da lì, si dirigeranno verso la Nomentana, dove dovrebbero arrivare intorno alle 17:30.

La Questura di Roma sta monitorando la situazione per garantire la sicurezza e il regolare svolgimento della protesta. Sono previsti servizi di controllo a Torre in pietra, Valmontone, Formello e sulla Cassia.



    I diversi gruppi di agricoltori stanno coordinando i loro movimenti e si aspettano di arrivare a Roma in massa entro giovedì. In quel giorno, è previsto un corteo che potrebbe attraversare la città. Intanto il coordinamento nazionale della protesta sta pensando di effettuare domani una clamorosa protesta davanti al teatro Ariston di Sanremo dove inizierà il festival della canzone italiana.

    Le ragioni della protesta:

    Gli agricoltori protestano contro:

    Caro gasolio
    Reintroduzione dell’Irpef sui terreni agricoli
    Obblighi della PAC (Politica Agricola Comune) che tagliano superfici coltivabili e risorse

    Le richieste dei manifestanti:

    Interventi del governo per calmierare i prezzi del gasolio
    Rimozione dell’Irpef sui terreni agricoli
    Revisione della PAC per renderla più favorevole alle piccole e medie aziende agricole.

    @riproduzione riservata




    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Napoli, figlia e sorelle del boss nelle case popolari del rione Amicizia. I nomi dei 16 indagati

    La Procura di Napoli ha indagato 16 persone per l'occupazione abusiva di case popolari nel Rione Amicizia a Napoli. Tra gli indagati ci sono...

    Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

    Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE