Latitante del clan Orlando scovato sotto casa a Marano nonostante la parrucca per camuffarsi

SULLO STESSO ARGOMENTO

I Carabinieri del nucleo investigativo di Castello di Cisterna hanno arrestato ieri sera a Marano di Napoli un latitante di 37enne, Fabio D’Agostino, affiliato al clan Orlando-Polverino.

D’Agostino era ricercato dal gennaio dello scorso anno. I Carabinieri lo hanno catturato in strada mentre era alla guida di un’auto intestata a un prestanome.

I militari, coordinati dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli, hanno tenuto alta l’attenzione sin dal giorno della sua “scomparsa” dai radar della giustizia. Hanno analizzato gli schemi relazionali del 37enne, effettuando un attento monitoraggio dei social e del suo patrimonio.



    Le tracce conducevano ancora a Marano, dove vivono la moglie e il figlio del latitante.I Carabinieri si sono posizionati in osservazione attorno all’abitazione familiare e hanno visto D’Agostino accostare con un’auto intestata a un prestanome. Il 37enne aveva una folta e singolare capigliatura che ha insospettito i militari.

    Quando la moglie e il figlio di D’Agostino sono entrati in casa, i Carabinieri hanno fatto irruzione e arrestato il latitante. D’Agostino è rimasto imperturbabile e ha chiesto spiegazioni. I militari lo hanno riconosciuto e gli hanno sfilato la parrucca.

    D’Agostino deve scontare 5 anni di carcere per estorsione

    Il latitante è ora in carcere a Secondigliano. Dovrà scontare una pena di 5 anni di reclusione per estorsione continuata ed aggravata dalle finalità e modalità mafiose.

    L’arresto di D’Agostino rappresenta un importante successo dei Carabinieri nella lotta contro la camorra. L’operazione dimostra la tenacia e l’impegno dei militari nel catturare i latitanti e nel garantire la sicurezza del territorio.


    Articolo offerto da Emmerre Auto - Torre del Greco
    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui


    Napoli, danni all’auto di don Luigi Merola: “La camorra ci vuole sfrattare”

    Vetro dell'auto distrutto e lampeggiante rubato: questa mattina don Luigi Merola ha trovato la sua auto di servizio danneggiata. Il sacerdote, da anni impegnato nella lotta alla camorra, ha denunciato l'accaduto sulla pagina Facebook della sua fondazione "'A voce d'e creature". Un messaggio intimidatorio? Secondo don Merola, l'episodio è da...

    Napoli, spacciava ecstasy al rione Vasto: arrestato giovane gambiamo

    Nel corso della scorsa notte, durante un servizio di controllo del territorio in via Federico D'Aragona, nel rione Vasto, gli agenti del Commissariato Vasto-Arenaccia hanno notato un individuo che, in cambio di denaro, ha trasferito qualcosa a un'altra persona che si è poi allontanata rapidamente. I poliziotti sono intervenuti immediatamente...

    Ritrovato a Napoli Antonio Scatozza, il parrucchiere scomparso da ieri da Marano

    Antonio Scatozza, il parrucchiere 48enne di Marano, è stato ritrovato nel centro di Napoli dopo la sua scomparsa. La conferma è giunta dai familiari e dai carabinieri che stavano seguendo il caso. Antonio sembra essere in buone condizioni. È stato ritrovato nel centro di Napoli La scomparsa di Antonio Scatozza, residente...

    Campi Flegrei, 90 scosse da stamane. L’Osservatorio vesuviano: “Niente panico”

    Nessun allarme, lo sciame sismico che ha interessato i Campi Flegrei questa mattina rientra nella normale dinamica bradisismica in atto da gennaio. Lo ha riferito il direttore dell'Osservatorio Vesuviano, Mauro Di Vito. Dalle 9:43 di questa mattina, l'Osservatorio ha registrato circa 90 scosse, di cui tre con magnitudo superiore a...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE