Giornata mondiale delle malattie rare. Aimo: oltre 900 quelle oculari, cheratocono la più diffusa

SULLO STESSO ARGOMENTO

Sono oltre 900, secondo la rete di riferimento europea ERN-EYE, le Malattie Rare che riguardano la vista.

Ma solo alcune hanno a disposizione una terapia. Le Malattie Rare dell’occhio sono patologie con bassa diffusione nella popolazione che va dai 5 casi ogni 10mila abitanti fino a forme che possono arrivare ad 1 caso su un milione.

Tali malattie possono essere raggruppate in tre categorie principali: quelle del segmento anteriore dell’occhio, quelle della retina e quelle che riguardano il nervo ottico e la parte posteriore dell’occhio.



    Tra le patologie rare oculari ci sono la retinite pigmentosa, la malattia di Stargardt e la neuropatia ottica ereditaria di Leber (LHON). La più diffusa in assoluto è però il cheratocono, caratterizzato da un progressivo assottigliamento e uno sfiancamento, spesso localizzato, della cornea.

    Ad esserne colpite ogni anno sono circa 50 persone ogni 100mila, più’ uomini che donne, in prevalenza in età adolescenziale e giovanile.

    GLI OCULISTI: DIAGNOSI PRECOCE FONDAMENTALE. ECCO LE FRONTIERE PIÙ AVANZATE IN CAMPO TERAPEUTICO

    “È importantissima una diagnosi precoce del cheratocono, la principale tra le patologie rare della cornea che comprendono anche distrofie e degenerazioni corneali- spiega la presidente di AIMO (Associazione Italiana Medici Oculisti), la dottoressa Alessandra Balestrazzi, in occasione della Giornata Mondiale delle Malattie Rare che ricorre oggi- Il cheratocono colpisce molti giovani, in particolare maschi, ed insorge nella tarda infanzia o nella prima adolescenza .

    Ha una genesi multifattoriale, in parte legata a fattori genetici ma anche a comportamenti sbagliati come lo stropicciamento dell’occhio, particolarmente frequente nei ragazzi allergici.

    La diagnosi precoce permette di correggere le abitudini errate, di iniziare terapie con colliri lubrificanti o antiallergici e di effettuare precocemente il trattamento per stabilizzare la patologia, il Cross Linking del collagene corneale”.

    Per questo AIMO, insieme all’Associazione dei pazienti affetti da cheratocono, si è adoperata da anni per diffondere la conoscenza della patologia con campagne di comunicazione, giornate di prevenzione e con opuscoli informativi.

    “Tra le distrofie corneali una delle più frequenti è la distrofia endoteliale di Fuchs- aggiunge Balestrazzi- che ha origini genetiche ed ereditarie e che, nei casi più avanzati, necessita della sostituzione dello strato più interno della cornea con l’intervento di cheratoplastica endoteliale”.

    BAMBINO GESÙ IN PRIMA LINEA SU TRATTAMENTO DISTROFIE RETINICHE A TRASMISSIONE EREDITARIA

    A parlare di terapia genica è il professor Luca Buzzonetti, responsabile UOC dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma, membro di Ern Eye e socio di AIMO, che spiega come oggi la frontiera più avanzata in campo terapeutico sia quella rivolta al trattamento delle distrofie retiniche a trasmissione ereditaria.

    “Attualmente la terapia genica è possibile solo per una variante della retinite pigmentosa, ma gli studi clinici avanzano rapidamente e presto aumenteranno le possibilità concrete per prevenire o correggere il drammatico decadimento della funzione visiva.

    La terapia- spiega il professor Buzzonetti- consiste in una singola iniezione nello spazio sottoretinico di entrambi gli occhi di una copia funzionante del gene RPE65, appunto la variante di retinite pigmentosa attualmente trattabile. Il gene sano è veicolato all’interno delle cellule da un adenovirus associato, con patrimonio genetico modificato, che agisce come vettore.

    Nelle cellule la copia funzionante del gene è quindi in grado di ripristinare la capacità visiva del paziente in modo significativo e duraturo”. L’ospedale pediatrico Bambino Gesù, anche in qualità di membro del ERN Eye, è in “prima linea in questo settore, con un ambulatorio dedicato e con progetti di ricerca clinica già avviati e molto ambiziosi”, conclude Buzzonetti.


    Articolo offerto da Emmerre Auto - Torre del Greco
    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui


    Napoli, danni all’auto di don Luigi Merola: “La camorra ci vuole sfrattare”

    Vetro dell'auto distrutto e lampeggiante rubato: questa mattina don Luigi Merola ha trovato la sua auto di servizio danneggiata. Il sacerdote, da anni impegnato nella lotta alla camorra, ha denunciato l'accaduto sulla pagina Facebook della sua fondazione "'A voce d'e creature". Un messaggio intimidatorio? Secondo don Merola, l'episodio è da...

    Napoli, spacciava ecstasy al rione Vasto: arrestato giovane gambiamo

    Nel corso della scorsa notte, durante un servizio di controllo del territorio in via Federico D'Aragona, nel rione Vasto, gli agenti del Commissariato Vasto-Arenaccia hanno notato un individuo che, in cambio di denaro, ha trasferito qualcosa a un'altra persona che si è poi allontanata rapidamente. I poliziotti sono intervenuti immediatamente...

    Ritrovato a Napoli Antonio Scatozza, il parrucchiere scomparso da ieri da Marano

    Antonio Scatozza, il parrucchiere 48enne di Marano, è stato ritrovato nel centro di Napoli dopo la sua scomparsa. La conferma è giunta dai familiari e dai carabinieri che stavano seguendo il caso. Antonio sembra essere in buone condizioni. È stato ritrovato nel centro di Napoli La scomparsa di Antonio Scatozza, residente...

    Campi Flegrei, 90 scosse da stamane. L’Osservatorio vesuviano: “Niente panico”

    Nessun allarme, lo sciame sismico che ha interessato i Campi Flegrei questa mattina rientra nella normale dinamica bradisismica in atto da gennaio. Lo ha riferito il direttore dell'Osservatorio Vesuviano, Mauro Di Vito. Dalle 9:43 di questa mattina, l'Osservatorio ha registrato circa 90 scosse, di cui tre con magnitudo superiore a...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE