LA NOTA

Giffoni Film Festival, l’appello del fondatore al Governo: “Mancano le risorse, fate presto”

SULLO STESSO ARGOMENTO

Claudio Gubitosi, fondatore del Giffoni Film Festival, ha rivolto un appello aperto al presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, e al Governo in seguito all’annuncio del presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca riguardo alla mancanza di risorse per le attività del 2024.

Gubitosi esprime la necessità di non fermare o ridurre il Giffoni, sottolineando l’importanza di consentire al festival di crescere e evolversi come ha fatto negli ultimi 54 anni. Afferma inoltre che la difficoltà è legata alla mancata assegnazione delle risorse e all’incapacità attuale di pianificare le attività.

Giubitosi sottolinea quindi la mancanza di possibilità di aprire le iscrizioni alle giurie, svolgere attività all’estero, realizzare progetti sociali e promuovere anteprime mondiali. Afferma anche la difficoltà di impegnare aziende necessarie per l’evento e prenotare strutture alberghiere.

Il fondatore del Giffoni Film Festival richiama l’attenzione sull’importanza di un accordo di programma per ottenere i fondi necessari e rivendica che questi vengano trasferiti al più presto. Sottolinea la necessità di comprendere la posizione della Regione Campania e il corto circuito tra Stato e Regioni del Sud. L’appello è rivolto al Presidente del Consiglio dei Ministri, ai Ministri del Governo e ai parlamentari, chiedendo loro di comprendere il valore delle attività del Giffoni. Gubitosi annuncia una giornata di mobilitazione a Napoli insieme alle organizzazioni di categoria sotto l’egida dell’AGIS. Conclude l’appello con la speranza di recuperare il tempo perduto e assicurare un Giffoni ancora più felice, invitando a agire rapidamente.




LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui




LEGGI ANCHE

Camorra, 50 anni di carcere per il racket del pane ai nuovi Lo Russo di Miano

I nuovi capi del clan Lo Russo di Miano, accusati di estorsione aggravata, per il cosiddetto racket del pane hanno incassato 50 anni di carcere. Lee condanne hanno riguardato Salvatore Di Vaio, 48 anni, detto "Totore o' Cavallo",  Alessandro Festa, 24 anni, Cosimo Napoleone, 33 anni, Fabio Pecoraro, 26 anni, Giovanni Perfetto, 59 anni, detto "o' mostr ("il mostro", ndr) e Raffaele Petriccione, 25 anni, detto "Raffaele o' pazz" sono stati condannati a 7 an...

Dehors abusivi nel Centro Direzionale di Napoli: sequestri e sanzioni

Il reparto operativo San Lorenzo del Comune di Napoli ha scoperto tre attività di somministrazione nel Centro Direzionale che avevano installato dehors abusivi di dimensioni comprese tra i 40 e i 100 metri quadrati. Queste strutture, non autorizzate, erano completamente chiuse su tutti e quattro i lati e erano accessoriate con tavoli, sedie, sistemi audio-video, illuminazione a led e climatizzazione. Gli agenti hanno proceduto al sequestro penale delle strutture e i proprietari sono stati denunciati per...

Mattarella alla Reggia di Caserta per l’inaugurazione delle sale della Gran Galleria

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha visitato la Reggia di Caserta in occasione del 250esimo anniversario della nascita dell'architetto Luigi Vanvitelli e dell'inaugurazione delle sale della Gran Galleria. Accolto dalla Direttrice Tiziana Maffei e dal Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, il Capo dello Stato ha tagliato il nastro inaugurale, completando l'anno Vanvitelliano dedicato al celebre architetto. I 3000 metri quadrati recuperati ospiteranno attività educative, una sala conferenze, un nuovo bookshop e la Gran...

Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

Napoli, figlia e sorelle del boss nelle case popolari del rione Amicizia. I nomi dei 16 indagati

La Procura di Napoli ha indagato 16 persone per l'occupazione abusiva di case popolari nel Rione Amicizia a Napoli. Tra gli indagati ci sono...

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE