Napoli, il 10 gennaio “Un aperitivo in area”: vernissage per il rilancio del Centro Direzionale

SULLO STESSO ARGOMENTO

Una sfida che parte dall’arte contro degrado e abbandono dei luoghi. Nasce con questo scopo Area Lab35, sede scelta dall’associazione culturale Kaos 48 in via Giovanni Porzio 4, al Centro direzionale.

Un’idea partorita dalla mente di Fabrizio Scomparin e Stefano Nasti per «movimentare una stasi creativa che aleggia nella nostra città, dopo un trentennio che va dalla fine degli anni ’60 agli inizi degli anni ’90, in cui Napoli è stata indubbia protagonista nello scenario artistico e culturale internazionale», sottolineano.

Un’idea che non è nata per caso con la creazione di Area Lab35 nel 2021 in un luogo dissacrato e mal gestito, nonostante sia partito per essere il cuore economico pulsante della città. Nasti e Scomparin hanno lanciato quindi una sfida ai pregiudizi, proponendo bellezza e arte in quella che oggi sembra un’area post industriale quasi dimenticata, ponendo la felicità dell’uomo, attraverso un processo empatico, al centro dell’universo e l’arte come primaria forma di riscatto e affermazione.



    In quest’ottica s’inserisce “Un Aperitivo in Area”, il vernissage in programma il 10 gennaio alle 19 nella sede di via Porzio, con l’intento di dare vita a un progetto di vendita di fotografie ed opere d’autore.

    Location dell’evento saranno gli spazi di una factory creativa, dove ogni giorno s’incontrano e lavorano insieme professionisti della fotografia, della pittura e della scultura con l’intento di creare movimento, generare arte e occasioni di scambi culturali all’interno del Centro direzionale.

    “Vogliamo far nascere un punto di riferimento nella nostra città – spiegano Nasti e Scomparin – negli spazi di Area Lab35 dove dal 10 gennaio si potranno acquistare foto e opere d’autore, che siano un investimento legato alla crescita del valore economico nel tempo, proprio perché Kaos 48, in quanto movimento artistico, si assicura di gestire la curatela e la crescita degli artisti”.

    Le stampe – a cura di Art Print Lab, laboratorio specializzato interno ad Area Lab 35 – sono realizzate con materiali di altissima qualità e attenzione ai dettagli, per garantire che l’essenza dell’opera sia preservata nel tempo. Tra le opere esposte quelle di Sergio Siano, Lucio Cremonese, Vincenzo Truppo, Giovanni Izzo, Eugene Pervack e tanti altri artisti.

    Saranno inoltre disponibili alcuni manifesti originali delle mostre più importanti realizzate da Lucio Amelio negli anni ’70, ’80 e ’90. L’evento è sostenuto, oltre che da Kaos 48, da Camera Service Italia, Slow Foto, Art Print Lab e Genny Borriello Photostudio, tutte realtà che lavorano nella sede del Centro direzionale, pur mantenendo ciascuna la propria identità di settore.




    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Napoli, incendio in un cantiere in piazza Duca degli Abbruzzi

    Ieri sera, il nucleo radiomobile dei carabinieri di Napoli è intervenuto in piazza Duca degli Abruzzi, dove si è sviluppato un incendio all'interno di un cantiere di fronte all'ex mercato ittico.   Le fiamme hanno coinvolto alcune tubature in plastica, ma fortunatamente non ci sono stati feriti, grazie all'intervento tempestivo dei vigili del fuoco. Al momento sono in corso indagini per determinare l'origine e la dinamica dell'incendio, considerando tutte le ipotesi possibili. L'allarme è stato lanciato dai...

    Caivano, casa trasformata in piazza di spaccio: arrestate due donne

    Valentina Cirico e Filomena Ambrosio, rispettivamente di 33 e 35 anni, avevano trasformato la casa in una vera e propria piazza di spaccio in cui ricevevano i clienti. I carabinieri stavano monitorando il continuo via vai di persone da quell'abitazione di Caivano e quando hanno capito che potevano trovare la droga sono intervenuti. Durante la perquisizione, infatti i Carabinieri hanno sequestrato 90 dosi di cocaina, 108 grammi della stessa sostanza da suddividere, 6 bustine di marijuana...

    Giugliano, tocca un cavo scoperto: giovane rom di 21 anni muore folgorato

    Un giovane di 21 anni residente nel campo rom di Scampia è morto folgorato, dopo essere stato trasportato senza vita al pronto soccorso dell'ospedale San Giuliano di Giugliano dai suoi amici. Nonostante i tentativi di rianimazione da parte del personale medico, purtroppo non c'è stato nulla da fare. Gli agenti del commissariato di polizia di Giugliano sono intervenuti presso il nosocomio di via Basile e un'indagine sarà aperta per fare luce sulla vicenda. Al momento non...

    Napoli, figlia e sorelle del boss nelle case popolari del rione Amicizia. I nomi dei 16 indagati

    La Procura di Napoli ha indagato 16 persone per l'occupazione abusiva di case popolari nel Rione Amicizia a Napoli. Tra gli indagati ci sono...

    Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

    Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE