IL VIDEO

Campania, scoperta la grande truffa del Decreto Rilancio: 6 arresti e altri 77 indagati

SULLO STESSO ARGOMENTO

La Guardia di Finanza di Napoli Nord ha arrestato sei persone e indagato altre 77 per truffa e riciclaggio, in relazione ad un sistema di frode ai danni dello Stato basato sull’utilizzo di crediti di imposta fittizi.

cronaca

I crediti, pari a circa 130 milioni di euro, erano stati accumulati grazie alle agevolazioni previste dal Decreto Rilancio, ma in realtà i lavori edilizi a cui si riferivano non erano mai stati eseguiti.



    I beneficiari dei crediti, che risiedono in diverse regioni italiane, li hanno poi ceduti a Poste Italiane, che era all’oscuro della frode, in cambio di diversi milioni di euro.

    I soldi, una volta ricevuti, sono stati fatti sparire attraverso soggetti e società compiacenti, italiane ed estere, soprattutto cinesi.

    Gli arrestati risiedono in Campania, in particolare a Frignano e San Marcellino (Caserta), a Torre Del Greco e Torre Annunziata (Napoli), a Pagani e Camerota (Salerno), mentre gli altri indagati in diverse province italiane, tra cui Pordenone e Perugia.

    La ricostruzione dell’indagine

    L’indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Napoli Nord, ha svelato un sistema composto da circa 50 società “cartiere”, esistenti cioè solo sulla carta.

    I rappresentanti legali di queste società hanno dichiarato falsamente di avere in corso di esecuzione lavori di riqualificazione energetica con il superbonus e di rifacimento di facciate di edifici residenziali situati in diverse regioni italiane.

    I lavori, in realtà, non sono mai stati eseguiti, ma le società “cartiere” hanno comunque potuto accedere alle detrazioni previste dal Decreto Rilancio, accumulando così crediti di imposta cedibili a terzi.

    I lavori sarebbero stati eseguiti, cosa poi in realtà mai avvenuta, in Abruzzo, Lazio, Molise, Puglia, Lombardia, Piemonte, Marche, Campania, Sicilia, Sardegna, Emilia Romagna, Trentino Alto Adige, Veneto.

    I crediti sono stati ceduti a Poste Italiane, che era all’oscuro di tutto, in cambio di diversi milioni di euro.

    I reati contestati

    Ai 6 arrestati e ai 77 indagati vengono contestati i reati di truffa per il conseguimento di erogazioni pubbliche e autoriciclaggio.

    Le indagini sono ancora in corso e non è escluso che possano esserci ulteriori sviluppi.

    Il danno per lo Stato

    Il danno per lo Stato, secondo la Guardia di Finanza, è di circa 130 milioni di euro.

    Si tratta di una cifra enorme, che rappresenta un ulteriore colpo alla credibilità delle istituzioni e al sistema delle agevolazioni fiscali.

    @riproduzione riservata



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui


    LEGGI ANCHE

    Napoli, l’ex Istituto pontificio a Santa Chiara diventa residenza per gli universitari

    Ieri mattina è stata siglata la concessione in uso alla Regione Campania dell'ex Istituto Pontificio, parte del complesso monumentale di Santa Chiara a Napoli che diventa sede per la residenza di studenti universitari. L'accordo è stato firmato a Palazzo di Governo dal prefetto Michele di Bari, rappresentante del Fondo Edifici di Culto del Ministero dell'Interno, e da Ennio Parisi, in rappresentanza della Giunta regionale Campania. All'atto erano presenti anche l'assessore regionale al Governo del Territorio e...

    Frigorifero sui binari della Circumvesuviana a Pompei: nuovo sabotaggio

    Umberto De Gregorio, presidente di Eav, società che gestisce il trasporto tramite la rete ferroviaria della Circumvesuviana, ha denunciato un episodio di sabotaggio vicino al passaggio a livello di Via Crapolla a Pompei, in provincia di Napoli. L'incidente ferroviario, avvenuto di recente, coinvolge un frigorifero lasciato sui binari. Fortunatamente, non ci sono state conseguenze gravi né danni al convoglio o feriti. De Gregorio ha espresso la sua preoccupazione definendo gli autori di questi atti come delinquenti,...

    Napoli, Città Metropolitana da ok a manutenzione impianti videosorveglianza nelle scuole

    La Città Metropolitana di Napoli approva interventi di manutenzione degli impianti di videosorveglianza e tecnologici nelle scuole superiori di sua competenza. Gli accordi firmati prevedono un finanziamento totale di 4,7 milioni di euro per garantire la sicurezza e il corretto funzionamento dei sistemi tecnologici presenti negli edifici scolastici. Oltre alle telecamere di videosorveglianza, verranno interessati anche altri impianti come quelli elettrici, antincendio, di rilevazione fumi e trasmissione dati. L'impegno della Città Metropolitana è quello di ottimizzare la...

    Sparatoria in strada a Scafati, obiettivo il pregiudicato Marcello Adini

    Il 43enne Marcello Adini è uscito dal carcere solo tre giorni fa dopo che era stato assolto per l'omicidio di Armando Faucitano

    Sparatoria a Fuorigrotta: pistoleri in azione in via delle Scuole Pie

    Nella zona di Fuorigrotta a Napoli, si è verificata una sparatoria su via delle Scuole Pie. I carabinieri del comando di Bagnoli sono intervenuti, intorno...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE